Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nola, cittadinanza onoraria al generale Maruccia


Nola, cittadinanza onoraria al generale Maruccia
06/11/2009, 12:11


NOLA - Il Consiglio Comunale, svoltosi ieri sera, ha attribuito la cittadinanza onoraria al Generale dei Carabinieri Gaetano Maruccia. L’ex Comandante Provinciale dell’Arma, assente per motivi improcrastinabili, è stato rappresentato dal capitano della Compagnia di Nola, Andrea Massari che ha espresso a nome del Generale, tutta la gratitudine per il riconoscimento conferito. Il sindaco di Nola, Geremia Biancardi, ha elogiato il ruolo della Benemerita anche alla luce delle recenti operazioni che hanno assicurato alla giustizia pericolosissimi latitanti, egemoni per anni nel territorio. Prima di entrare nel merito dell’ordine del giorno, il sindaco Biancardi ha invitato i consiglieri a riflettere sul grave e deprecabile episodio che ha coinvolto l’Istituto “Umberto Nobile”, la cui presidenza è stata incendiata. I consiglieri di maggioranza ed opposizione hanno stigmatizzato l’episodio, manifestando piena solidarietà al dirigente scolastico e pieno sostegno all’intero corpo docente ed agli allievi.
L’assemblea ha successivamente votato l’inversione dell’ordine del giorno, affrontando, per prima, l’interpellanza proposta dalla capogruppo dal gruppo del Pd e dal consigliere dell’IdV Francesco Di Somma, inerente al ruolo rivestito dall’Amministrazione Comunale in merito alle costruende Officine Ntv dell’Interporto di Nola. A rispondere sulla questione è stato lo stesso sindaco Geremia Biancardi che ha dichiarato come il dirigente di settore abbia rilevato che non è mai pervenuta in Comune, alcuna richiesta di autorizzazione o parere, da parte della Ntv, in merito al progetto. Il Sindaco Biancardi ha nuovamente sottolineato che la “forza lavoro” da formare e successivamente da occupare presso le officine, sarà composta prevalentemente da giovani dell’area nolana. L’argomento, comunque, su proposta del presidente dell’assemblea, Francesco Pizzella, sarà portato all’attenzione della conferenza dei capigruppo per fissare un consiglio comunale ad hoc, per aggiornamenti ed approfondimenti.
Gli altri punti all’ordine del giorno sono stati rinviati, essendo venuto a mancare il numero legale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©