Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nola: cresce il numero degli utenti del telesoccorso


Nola: cresce il numero degli utenti del telesoccorso
13/09/2010, 10:09

NOLA - In crescita esponenziale il servizio di telefonia sociale attivato dall’ambito N11, del quale fanno parte 14 amministrazioni dell’area nolana. Secondo l’ultimo monitoraggio, sono 177 gli anziani del territorio che sono costantemente in contatto con una centrale operativa attraverso un radio comando. Un numero che in soli 4 mesi è cresciuto di ben 55 unità, visto che ad aprile gli utenti registrati erano 133. Il 60 per cento degli assistiti ha un’età compresa tra gli 80 e gli 89 anni, vive da solo ed usufruisce del servizio di assistenza domiciliare. Le restanti percentuali sono invece rappresentate da un’utenza la cui età va dai 49 ai 99 anni. A Nola il numero più alto, che è pari a 74 persone. Significativo, considerando la densità della popolazione, anche il totale delle utenze attivate a Camposano dove sono 28 gli anziani che usufruiscono del telesoccorso. Seguono poi Roccarainola con 14, Liveri, Saviano e Visciano con 10, Tufino e Cimitile con 9, Comiziano con 8, Cicciano con 7, Scisciano con 6, San Paolo Bel Sito con 2 e Casamarciano con 1.
L’iniziativa, di cui sono destinatari gli anziani ed i disabili dell’ambito, ha come obiettivo quello di rimuovere il rischio di emarginazione sociale assicurando una risposta immediata in caso di necessità e la conseguente autonomia e sicurezza anche dell’anziano che si trova da solo nella propria abitazione.
Il servizio è gestito dalla cooperativa “La Meridiana” e viene erogato in due differenti modalità: il telesoccorso ed il telecontrollo. Nel primo caso l’intervento scatta tutte le volte che alla centrale operativa, attiva 24 ore su 24, arriva il segnale di allarme. Il telecontrollo invece rappresenta un vero e proprio monitoraggio costante delle condizioni dell’utente. Ogni settimana infatti dalla centrale operativa gli operatori contattano direttamente gli assistiti per verificarne lo stato di salute, per offrire sostegno psicologico e per rispondere alle informazioni richieste.
“I dati dell’ultima rilevazione, oltre a testimoniare il successo dell’iniziativa e l’efficienza dell’Ufficio di Piano rappresentano lo stimolo a mettere in campo ulteriori iniziative a sostegno degli anziani ed in particolare - sottolinea Ciro Cimmino, presidente dell’Agenzia di sviluppo dell’area nolana che gestisce il piano sociale di zona per conto dei Comuni dell’ambito N11 - di quelli che non possono contare sull’appoggio dei familiari”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©