Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nola, sequestrata discarica abusiva


Nola, sequestrata discarica abusiva
22/04/2011, 15:04

Gli uomini del Comando Forestale di Marigliano, al fine di verificare la veridicità di una segnalazione giunta alla Centrale Operativa 1515 di Napoli, si sono portati nel comune di Nola (NA) in un complesso edilizio al cui interno era ubicato un fondo che era stato riempito con rifiuti di varia natura e poi spianati. Guinti sul posto hanno individuato il fondo in questione che si presentava delimitato da muretto sormontato da una ringhiera in ferro e all’ingresso un cancello scorrevole con apertura da destra verso sinistra semichiuso e quindi privo di lucchetto. Da un’ispezione dei luoghi è emerso che nel fondo originariamente sottoposto al piano viario del condominio, così come risulta dal muro di cinta di tufo posto di fronte all’ingresso e al muro realizzato sul lato destro dell’ingresso a separazione del fondo con il condominio, sono stati scaricati ripetutamente ingenti quantitativi di rifiuti provenienti da demolizioni edili e altro materiale da classificare, al fine di rialzarne il fondo e portarlo allo stesso livello della interna al condominio. Sul lato sinistro all’ingresso è stato scaricato un cumulo di traversine ferroviarie dismesse (rifiuti speciali pericolosi). L’area dell’estensione di circa 800mq. di proprietà di una ditta con sede in Saviano”. Con atto a parte verrà contattata l’ARPAC per i rilievi e le analisi da effettuare sul materiale rinvenuto. Alla luce di quanto contestato, versandosi in una situazione di urgenza, vista l’impossibilità del P.M. di raggiungere la zona si è proceduto a sequestrare l’area di cui sopra, al fine di impedire che il reato venga portato ad ulteriori conseguenze, con apposizione di cartelli riportanti la seguente dicitura: “AREA SOTTOPOSTA A SEQUESTRO E A DISPOSIZIONE DELL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA” apposti in maniera visibile sul luogo ai sensi dell’art. 55 ed in relazione all’ art. 321 c.p.p. .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©