Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nomadi, Santori: “Chi occupa deve essere costretto ad andarsene”


Nomadi, Santori: “Chi occupa deve essere costretto ad andarsene”
12/04/2011, 17:04

“Gli sgomberi senza sosta degli insediamenti abusivi presenti in tutti i quadranti della città stanno dando i primi risultati e sono il frutto di una linea dura che non lascia spazio a nuove occupazioni. Chi si insedia irregolarmente su aree pubbliche o private oggi vive con il fiato sul collo da parte del Coordinamento Operativo Nomadi, diretto dal Comandante Antonio Di Maggio, pronto ad intervenire qualora si verificassero spostamenti degli sgomberati in altri siti della Capitale” – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, commentando con soddisfazione gli sgomberi effettuati oggi in via Teano, Municipio VI, via G. Seguenza e via del Tufo in Municipio V, ad opera della Polizia Municipale insieme agli agenti della Questura e a personale della Sala Operativa sociale. “Anche oggi si è dovuto assistere al rifiuto dell’assistenza alloggiativa da parte dei rom. E’ inaccettabile, e ancora più inaccettabile è il fatto che la sinistra continui a tutelare anche chi non accetta l’assistenza. L’accusa contro la politica degli sgomberi è un inutile e stonato ciarlare fatto solo di critiche ripetute senza mai una proposta, senza mai un suggerimento per dare soluzioni al problema, un tormentone che si riduce soltanto ad una insopportabile litania che ripete considerazioni utopistiche e demagogiche. Chi accetta di uniformarsi alle regole per una civile ed autonoma convivenza potrà rimanere sul nostro territorio, per tutti gli altri, invece, l’unica soluzione resta il rimpatrio, poiché non sono più consentite recidive in tema di occupazioni abusive. Sono molti coloro i quali stanno optando per questa scelta obbligata, aspetto che evidenzia l’efficacia di tali interventi operativi”, conclude Santori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©