Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nomadi, Santori: "Sgombero Morselli deve essere solo primo passo"


Nomadi, Santori: 'Sgombero Morselli deve essere solo primo passo'
28/03/2011, 13:03

“Lo sgombero di Via Morselli deve essere solo il primo passo di un’ ampia operazione di sgombero che riguarda diversi quadranti del Municipio XV” - lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, a margine della brillante operazione di sgombero condotta dall’ufficio Politiche di Coordinamento della Sicurezza e dal XV Gruppo di Polizia Municipale in Via Morselli.

“L’azione di contrasto al degrado e all’insicurezza messa in campo dall’amministrazione capitolina dovrà proseguire senza sosta, evitando di vanificare gli sforzi economici ed organizzativi legati al piano sgomberi e tenendo fede agli impegni assunti con la cittadinanza. Prossimi passi dovranno essere l’eliminazione degli insediamenti presenti sotto il viadotto della Magliana, degli accampamenti presso l’ex deposito Miralanza a Marconi, dell’insediamento abusivo di via Marchetti a Muratella, così come garantito dal Sindaco di Roma Gianni Alemanno ai residenti, e non ultimo per importanza lo sgombero dell’insediamento abusivo sito sotto la rampa di Via Portuense, in viale Isacco Newton, ove si registra un aumento esponenziale di nomadi e sbandati, alcuni dei quali praticano l’accattonaggio in prossimità dei tanti esercizi commerciali, soprattutto su via dei Colli Portuensi, anche nelle giornate domenicali” prosegue Santori.

“La velocizzazione nelle operazioni di sgombero e l’approvazione di una legge sulle espulsioni con accompagnamento coatto per chi non ha diritto a permanere nel nostro Paese rappresentano una condicio sine qua non per la risoluzione dell’emergenza nomadi. Solo grazie a queste misure sarà possibile ottenere risultati definitivi, concreti ed efficaci contro la politica dell’accoglienza indiscriminata, pesante retaggio del centro sinistra” conclude Santori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©