Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una circolare del Ministero di Grazia e Giustizia

"Non ci sono soldi, nei Tribunali trascrivete i processi a mano"


'Non ci sono soldi, nei Tribunali trascrivete i processi a mano'
24/11/2012, 16:57

ROMA - Ormai siamo tornati a 20 anni fa, quando venne introdotto il nuovo Codice di Procedura Penale. Infatti il Ministero di Grazia e Giustizia ha diramato una circolare nella quale avvisa tutti i Tribunali nei quali avvisa che, non essendoci soldi a disposizione, dovranno prepararsi a sospendere dal primo dicembre il servizio di stenotipia e tornare a scrivere i resoconti dei processi in forma riassuntiva e a mano, ad opera dei cancellieri. Per ora rimarrebbe la stenotipia solo per i processi per direttissima e quelli con imputati detenuti. 
In realtà questo del pagamento del servizio di stenitipia è un problema vecchio. E' dal 2002 che il governo ha smesso di pagare con regolarità le ditte che si occupano del servizio di stenotipia. Parecchie sono fallite, a causa dei mancati pagamenti; le altre si sono fuse, nel 2007, in due grandi cooperative che hanno lottato per vincere l'appalto unico nazionale. Non che questo abbia permesso di avere pagamenti regolari. Ed adesso vengono sospese in tutta Italia (decisione comunque già presa da diversi Tribunali individualmente). 
Quali saranno le conseguenze? I processi avranno una durata almeno tripla. Infatti, con la stenotipia è semplice: domande e risposte, il tutto viene registrato e verbalizzato dal tecnico specializzato ed entro 72 ore, come prevede il Codice, si ha il testo parola per parola di ciò che è successo. Invece, senza stenotipia SI fanno un paio di domande con le relative risposte, poi è il giudice che deve dettare al cancelliere il riassunto di ciò che è stato detto. Magari però l'avvocato contesta, il Pubblico Ministero contesta alla contestazioni dell'avvocato e si perde tempo. E poi si ricomincia con altre due o tre domande. Il tutto poi verbalizzato con quel margine di imprecisione che c'è necessariamente nel riassunto, per quanto possa essere ben fatto. Il risultato è che, se il processo è piccolino e si conclude in una udienza, va anche bene; ma se sono processi da più udienze, i tempi diventano interminabili e la qualità notevolmente inferiore. Gli unici a guadagnarci saranno i delinquenti: copn i pèrocessi che durano più a lungo, aumenteranno le prescrizioni e diminuiranno le condanne

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©