Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Volevano fermare un treno carico di scorie nucleari

Notte agitata in Val di Susa: identificati 200 No Tav

Le forze dell’ordine hanno sventato i loro blocchi

Notte agitata in Val di Susa: identificati 200 No Tav
24/07/2012, 09:07

TORINO - Nuova notte di tensione in Val di Susa, dove gli attivisti No Tav hanno cercato di bloccare il passaggio di un treno carico di scorie nucleari diretto in Francia, ma invano, perché la polizia e i carabinieri sono riusciti a neutralizzare il loro piano. Solo a Borgone di Susa, infatti, circa quindici attivisti, appartenenti ad un gruppo più vasto di 45 persone, sono riusciti ad occupare i binari, ma dopo pochi minuti sono stati convinti ad allontanarsi. Per il momento sono circa duecento i No Tav identificati dalle forze dell’ordine: per molti di questi scatteranno le denunce.

Una sessantina, secondo le prime stime, sono attivisti che si erano radunati in presidio alla stazione ferroviaria di Bussoleno (Torino). Un gruppo più numeroso, composto da 115 persone secondo fonti No Tav, è quello che a Chiomonte era salito su un treno regionale per raggiungere i compagni a Bussoleno; una volta arrivati alla stazione della cittadina, però, non sono scesi (“sono rimasti nelle carrozze di loro spontanea volontà”, hanno affermato le forze dell’ordine), e il convoglio non è ripartito.

Per sbloccare la situazione sono stati chiamati due avvocati del Legal Team No Tav e un politico dell’estrema sinistra torinese, ai quali, secondo fonti del movimento, gli agenti hanno giustificato l’intervento con il fatto che molti degli attivisti avessero il volto coperto. In ogni caso, i No Tav hanno centrato l’obiettivo di richiamare ‘attenzione su uno dei temi cari all’ambientalismo. I “treni nucleari” sono i convogli carichi di scorie che, periodicamente, partono da Saluggia (Vercelli) per raggiungere Le Hague, nel Nord-Est della Francia, dove vengono riprocessati. Gli oppositori ritengono che il transito dei treni sia pericoloso e che le autorità non informino adeguatamente la popolazione dei rischi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©