Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Gino Roselli è stato arrestato dai carabinieri

Notte di follia: 50enne accoltella 4 donne a Napoli


.

Notte di follia: 50enne accoltella 4 donne a Napoli
11/11/2011, 15:11

NAPOLI - Una notte di terrore e follia, dove a farne le spese sono state quattro donne. Il tutto si svolge nel giro di poche ore. Un uomo di cinquant’anni accoltella la compagna, la madre, la sorella e una vicina: quando i Carabinieri lo vanno a prendere si asserraglia in bagno con un grosso coltello prima di essere immobilizzato e fermato. Gino Roselli, del quartiere Chiaia, è l’autore della rappresaglia scandita da fendenti e sangue. Tutto è iniziato alle 3,30 dell’altra notte: l’uomo, per motivi ancora in corso d'accertamento ha aggredito la sua compagna 55enne che in quel momento era nella sua abitazione in via Mergellina. La donna è stata immediatamente curata da suoi parenti medici per ferite lacero contuse su varie parti del corpo, ma la furia cieca dell’uomo non si è fermata. L'aggressore, che era riuscito a scappare, alle 6 ha raggiunto la casa della madre 82enne al corso Vittorio Emanuele dove l'ha aggredita, causandole lesioni da punta e taglio in varie parti del corpo e un grosso ematoma alla regione mandibolare. La donna è stata sottoposta a intervento chirurgico ed è attualmente ricoverata in prognosi riservata all'ospedale dei Pellegrini, in pericolo di vita. Con lei ha aggredito la sorella 55enne, causandole lesioni da punta e taglio guaribili in 10 giorni e una vicina 58enne della madre e della sorella fatta intervenire con un pretesto a casa delle congiunte, provocandole lesioni da punta e taglio guaribili in sette giorni. Subito dopo i fatti l'aggressore si è dileguato ed è stato ricercato per tutta la giornata di ieri fino ad essere individuato in serata nella sua abitazione, dove era tornato, e ove i carabinieri del nucleo operativo della compagnia centro hanno fatto irruzione trovandolo asserragliato nel bagno con un grosso coltello a portata di mano. Il 50enne è stato subito immobilizzato e mentre continuano a rimanere oscuri i motivi della notte di follia, è stato sottoposto a fermo d'indiziato di delitto per tentato omicidio e lesioni personali, trasferito alla casa circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©