Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una delle rapine è stata commessa con una pistola a salve

Notti criminali a Napoli: rapinatori a caccia di Rolex


.

Notti criminali a Napoli: rapinatori a caccia di Rolex
08/06/2011, 13:06

NAPOLI- Poche settimane dopo il tragico decesso del turista portoricano Antonio Oscar Mendoza in seguito all’aggressione da parte di due giovani delinquenti, identificati dalla polizia, continuano a Napoli ed in provincia le rapine ad opera di malviventi appartenenti alla microcriminalità napoletana. La dinamica delle rapine è sempre la stessa, così come l’ agognato bottino: gli scippatori sono in sella ad uno scooter con dei caschi integrali che gli coprono i volti e mirano alla “conquista “ del prezioso orologio: il Rolex.
Due rapine, l'altra notte, una nel quartiere Fuorigrotta di Napoli ed un’altra a Giugliano: e i rapinatori, in entrambi i casi, non hanno esitato a sparare. In via Cavalleggeri Aosta ad essere preso di mira è stato un 61enne che era in auto con una donna. I due rapinatori si sono avvicinati, obiettivo il prezioso orologio Rolex Daytona: al rifiuto dell’uomo i malviventi hanno fatto esplodere un colpo ed hanno scippato l’orologio. L’uomo è stato portato all’ospedale San Paolo dove è stato medicato per una contusione al polso destro. I carabinieri, in seguito intervenuti sul luogo della rapina, hanno poi verificato che il colpo esploso fosse a salve.
A Giugliano invece la vittima della rapina è stato un 26enne, con al polso un Rolex falso. Dilettanti, evidentemente i rapinatori che non solo hanno creduto che l’orologio fosse vero, ma hanno anche sparato alla mano sinistra del ragazzo che, medicato all’ospedale San Giuliano, ha riportato ferite guaribili in 15 giorni.
Ma l’ondata criminale di scippi e rapine non interessa solo i cittadini di Napoli e dell’hinterland: a Capodichino sono stati identificati i due rapinatori di una soldatessa americana che si stava recando a lavoro. Gaetano Saraco di 19 anni e Alfredo Aulisio di 27, con la minaccia di un coltello hanno rapinato la giovane donna della borsa. Fortunatamente la scena è stata ripresa dalle telecamere installate nella zona aeroportuale ed i carabinieri sono riusciti ad identificare i criminali.
Un’escalation criminale dunque, che dipinge la città di Napoli non più come il “paese del Sole” ma come una città violenta e degradata dove è davvero diventato difficile vivere.

Commenta Stampa
di Ilaria Nacciarone
Riproduzione riservata ©