Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nove anni dall'uccisione di Del Prete, il ricordo della vittima del racket


Nove anni dall'uccisione di Del Prete, il ricordo della vittima del racket
18/02/2011, 14:02

Si è tenuto stamattina nella sede della Fondazione Pol.i.s., la struttura della Regione Campania per il sostegno alle vittime innocenti della criminalità e la valorizzazione dei beni confiscati alla camorra, un incontro in memoria di Federico Del Prete, vittima del racket, in occasione del nono anniversario della sua uccisione.

Sono intervenuti l'assessore regionale ai Rapporti con le Autonomie Locali Pasquale Sommese, il commissario regionale antiracket Franco Malvano, Alfonso Viola della CGIL, Alfonso Amendola della CISL, il responsabile dell'associazione antiracket Alilacco Amleto Frosi, il referente regionale di Libera Geppino Fiorenza, il segretario generale della Fondazione Pol.i.s. Enrico Tedesco e Gennaro Del Prete, figlio del sindacalista ucciso il 18 febbraio 2002.

Era altresì presente una delegazione dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, guidata dal presidente del coordinamento regionale Lorenzo Clemente.

“Vinceremo la battaglia contro la criminalità solamente quando il dolore dei familiari diventerà un dolore collettivo”, ha affermato l'assessore Sommese.

“Le istituzioni e le associazioni impegnate nella lotta al racket e alla camorra devono fare rete per superare la crisi di valori in cui versano i nostri territori.

“Stiamo vicini a chi non ha paura di ribellarsi ai fenomeni estorsivi e di usura”, ha concluso Sommese.

“Quando si verificano episodi come quello costato la vita a Del Prete siamo tutti colpevoli”, ha aggiunto Malvano.

“Negli anni '80 e '90 le Forze dell'Ordine e la Magistratura erano sole nella lotta al racket. Oggi invece c'è un proliferare di associazioni ed organizzazioni impegnate nel contrasto ai fenomeni estorsivi e di usura, che stanno reagendo insieme alle istituzioni, e questo fa ben sperare. Intensificheremo l'azione a difesa di coloro che denunciano gli estorsori creando una rete con Province ed Enti Locali che porterà all'istituzione di un fondo per le vittime”, ha concluso il commissario antiracket.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©