Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nuova Orchestra Scarlatti, Brass concerto al Museo Diocesano


Nuova Orchestra Scarlatti, Brass concerto al Museo Diocesano
01/06/2011, 17:06

Sabato 4 giugno, alle ore 19.00, Brass Concerto, settimo degli otto appuntamenti in programma (fino all’11 giugno) per la Primavera musicale 2011 della Nuova Orchestra Scarlatti, realizzati nella splendida cornice del Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina): la più estroversa, vistosa e brillante delle famiglie orchestrali, quella degli ottoni – qui gli Ottoni della Nuova Orchestra Scarlatti: Vincenzo Leurini e Francesco Amoroso (trombe), Luca Martingano (corno), Domenico Brasiello (trombone), Alexandre Cerdà Belda (tuba), coadiuvati dalle percussioni di Domenico De Marco - darà vita a un cocktail variegato di musiche, da balli del ‘500 a Ennio Morricone, in originali trascrizioni ad hoc.

Si andrà dalle Danze del fiammingo Thylman Susato (1515-1565 ca.), a una particolare versione dell’Aria sulla quarta corda di J. S. Bach. Poi sarà tutto un crescendo di vitalità e di ritmo tra il Mozart dell’Eine kleine Nachtmusik K 525, la Carmen di Bizet, la scintillante Danza delle spade dell’armeno Aram Khačaturjan (1903-78), e infine una collezione sonora del più schietto rappresentante del grande repertorio bandistico americano, “the March King” John Philip Sousa (1854-1932).

Il programma riprenderà con nuovi accenti fra cinema, tango e musical, con le sognanti atmosfere felliniane di “Otto e mezzo”, per le musiche di quel gran signore del ‘900 musicale italiano, lirico ed ironico al tempo stesso, che è stato Nino Rota (1911-79), poi il passo serrato del celebre Libertango di Astor Piazzolla porterà a La vita è bella di Nicola Piovani, in un arrangiamento originale di Domenico Brasiello, che è anche autore del brano successivo, La piazza. Il Sueño di Alexandre Cerdà Belda condurrà alle suggestioni del grande cinema con C’era una volta il West e Playing Love di Ennio Morricone (arrangiamenti di D. Brasiello), poi tutto si concluderà con due intense emozioni musicali - Maria e Tonight - da quel ‘Romeo e Giulietta’ di una New York tenera e violenta anni ’50 che è West Side Story di Leonard Bernstein.

Dopo il concerto il pubblico potrà partecipare gratuitamente a una visita guidata del Museo Diocesano. Il percorso d’arte del Diocesano si arricchisce fino al 12 giugno della magnifica mostra dei busti d’argento del Tesoro di San Gennaro.

Il costo del biglietto per i concerti è di 12 euro. Vendita al botteghino del Museo Diocesano da un’ora prima del concerto. Prevendite abituali.

Ultimo appuntamento della Primavera musicale al Diocesano: sabato 11 giugno, Dalla villanella al tango, musiche di O. Di Lasso, B. Donato, F. Kreisler, C. Saint-Säens, G.Fauré, J.Brahms, A. Piazzolla, J. Massenet, E. Elgar, e al., viola Marco Traverso, coro ‘Vocalia’, arpa Adriana Cioffi, gli Archi della Nuova Orchestra Scarlatti, dirige Luigi Grima .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©