Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Con il bel tempo riprendono gli sbarchi in Sicilia

Nuova tragedia in mare: 5 migranti morti a Lampedusa

Sul barcone in difficoltà c’erano circa 60 persone

Nuova tragedia in mare: 5 migranti morti a Lampedusa
17/03/2012, 12:03

LAMPEDUSA - Con il bel tempo e le condizioni meteorologiche favorevoli riparte l’emergenza sbarchi clandestini in Sicilia. Ma soprattutto, ci si ritrova a fare i conti con nuove tragedie del mare: l’ultima si è consumata ancora una volta a Lampedusa. Cinque persone sono state trovate senza vita a bordo dell’imbarcazione, sulla quale c’erano in tutto sessanta migranti, avvistata stamattina all’alba al largo dell’isola siciliana. Il barcone in difficoltà è stato avvistato ed individuato a circa 80 miglia da Lampedusa: a dare l’allarme è stato un peschereccio, che ha subito avvertito la Capitaneria di porto, mentre a lanciare l’sos, come spiegano fonti della Guardia costiera, sono stati gli stessi immigrati tramite un telefono. Il barcone era in difficoltà ed immediato è stato l’intervento della Guardia Costiera, che ha prestato i soccorsi. Non c’è stato nulla da fare però per cinque delle persone a bordo, trovate già prive di vita: quasi sicuramente a causa delle pessime condizioni in cui hanno dovuto affrontare il viaggio, durato non si sa ancora quanti giorni. Tutte le persone a bordo, infatti, sono apparse fortemente debilitate per la lunga permanenza in mare: i più gravi sono stati trasbordati su un pattugliatore della Guardia di Finanza, gli altri sulla motovedetta della Guardia Costiera.

IL PRECEDENTE
Solo ieri erano sbarcati a Lampedusa, direttamente in porto, 54 migranti, tra cui quattro bambini, che avevano detto di provenire dalla Libia. Altri cinque extracomunitari erano stati salvati dalla Guardia Costiera davanti alla costa marsalese, dopo essere rimasti per ore aggrappati a una boa perché non sapevano nuotare. Gli scafisti li avrebbero abbandonati nei pressi della spiaggia insieme ad altri immigrati che sarebbero riusciti a fuggire.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©