Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma è solo il 2,5 per cento dei danni subiti

Nuove scosse in Emilia. Fondi Ue per ricostruzione


Nuove scosse in Emilia. Fondi Ue per ricostruzione
03/06/2012, 20:06

MODENA - Le scosse di assestamento disseminano ancora paura in Emilia.  Altre due scosse sono state registrate nella provincia di Modena. La prima si è verificata alle 19.48 ed ha avuto magnitudo 3,4. Dopo pochi minuti, circa 9, la seconda scossa più forte, una magnitudo di  3,8. L'epicentro si trova tra i comuni di Concordia sulla Secchia, San Possidonio, Cavezzo e Novi di Modena.  Stamattina sembrava che le scosse fossero lentamente in attenuazione, sia per intensità che per frequenza.

FONDI UE PER ZONE COINVOLTE - Il fondo di solidarietà contribuirà alla ricostruzione in Emilia: si tratta di circa 200 milioni ma potrebbero essere stanziati ulteriori 100 milioni dal fondo per lo sviluppo rurale. Ad annunciarlo il commissario europeo alla politica regionale, Johannes Hahn, e il vicepresidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, che hanno visitato Modena e le zone colpite.
Secondo quanto si è appreso, il contributo sarà a fondo perduto. Si tratta, tuttavia,  di una percentuale molto relativa rispetto ai danni subiti dal territorio: "il 2,5 per cento", spiega Tajani. E per la crisi "l'Europa", ha detto Hahn, "deve valutare la possibilità di offrire aiuti di stato per le imprese, il fondo di solidarietà che potrebbe arginare solo in minima parte lo spettro della delocalizzazione".

SENZA ACQUA CORRENTE -  Intanto, sono quasi centomila gli ettari di terreno compresi tra Modena, Bologna, Ferrara e Mantova senza acqua a causa dei danni provocati dalle scosse di terremoto. E' la Coldiretti a lanciare l'allarme: si stimano interventi per decine di milioni di euro per "garantire l'irrigazione ed evitare che l'arrivo di forti piogge possa provocare alluvioni nelle campagne, ma anche nelle principali città emiliane".

PAPA: 500MILA EURO AI TERREMOTATI - Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulle spese pazze per il Family Day, Bendetto XVI ha deciso di devolvere alle zone del Nord Italia colpite dal terremoto dei giorni scorsi i 500 mila euro raccolti nell'Incontro Mondiale delle Famiglie grazie alle offerte dei partecipanti.  

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©