Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sempre più martoriati gli scavi archeologici

Nuovo crollo a Pompei: cede muro Domus del Moralista


Nuovo crollo a Pompei: cede muro Domus del Moralista
30/11/2010, 14:11

POMPEI - Continua a perdere pezzi l’area archeologica di Pompei. Sotto i colpi della pioggia incessante di questi ultimi giorni, un altro muro degli scavi ha ceduto. Stamattina è crollato una parte della Domus del Moralista. Il fatto è avvenuto nella notte, ma è stato segnalato soltanto alle otto del mattino quando un custode ha aperto l’ingresso agli scavi. Si tratta di un muro grezzo situato all’interno del giardino della casa, su cui sono giunti immediati gli interventi dei tecnici della sovrintendenza, per appurare l'entità del danno. Al sopralluogo hanno preso parte anche alcuni archeologi, ed il direttore degli scavi Antonio Varone. La paura di una nuova disfatta archeologica è stata scongiurata. Ma a preoccupare è il fatto che il crollo è avvenuto nella stessa area dove esisteva fino allo scorso mese la Schola Armaturarum, crollata il 6 novembre. Non c’è dubbio, quindi, che gli allarmi lanciati sullo stato di salute degli scavi, in quell’area in particolare siano reali e preoccupanti. Chi invece prova a gettare acqua sul fuoco è il Ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, che ha invitato i media a non fare “inutili allarmismi” ed ha ammesso che “la situazione a Pompei è continuamente monitorata dai tecnici della Soprintendenza, i quali hanno dato ogni rassicurazione su quanto avvenuto: il cedimento non ha riguardato né coinvolto alcun manufatto di rilievo o di pregio storico, artistico o archeologico”. Dello stesso appunto il direttore degli scavi, Varone, che ha precisato: “Il crollo ha riguardato un muro grezzo del giardino della casa del Moralista ricostruito nel secondo dopoguerra perché quello originale era stato distrutto da un bombardamento. La casa del Moralista non è dunque a rischio crollo".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©