Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nuovo incidente mortale sulla Statale 18 nel Cilento, le accuse di D'Angelo


Nuovo incidente mortale sulla Statale 18 nel Cilento, le accuse di D'Angelo
06/11/2009, 17:11


VALLO DELLA LUCANIA - "È una situazione insostenibile, è una strada a scorrimento veloce molto pericolosa, soprannominata la strada della morte, ma nessuno si muove per la sua messa in sicurezza. L'appello al ministero delle Infrastrutture e Trasporti è caduto nel vuoto. L'assessore ai Lavori pubblici ed Urbanistica della provincia di Salerno, Marcello Feola, tempo fa aveva promesso un intervento immediato e deciso, ma ad oggi non è successo ancora nulla, e nel frattempo molti giovani continuano a perdere la vita". Le denuncia del responsabile per la provincia di Salerno dell'Italia dei Diritti, Aniello D'Angelo, arriva dopo l'ennesimo schianto mortale sulla variante alla Statale 18, avvenuto questa mattina nel tratto compreso fra Vallo della Lucania e Vallo Scalo, nel Cilento. A perdere la vita sono madre e figlia, rispettivamente di 53 e 22 anni.
"Rinnovo l'invito al ministro Altero Matteoli, all'assessore Marcello Feola e a tutte le istituzioni interessate dalla strada della morte, con la speranza che anche questa volta non cada nel vuoto - conclude l'esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro - in caso contrario, avanzerò la proposta choc di vietare il transito degli autoveicoli nei tratti più pericolosi della strada. Basta con le morti evitabili."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©