Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Protesta a Napoli per la riduzione dei posti auto dedicati

Nuzzolo: poche strisce blu? Residenti paghino i garage


Nuzzolo: poche strisce blu? Residenti paghino i garage
26/06/2009, 19:06

Se i posti riservati ai residenti non ci sono, allora il cittadino può anche pagare il garage. Una logica ferrea, quella dell’assessore alla Viabilità al Comune di Napoli, Agostino Nuzzolo. Intervistato dal Velino, l’assessore ha spiegato che “sull’utilizzo delle auto, bisogna cambiare mentalità”. Sono infatti giorni di protesta a Napoli, dove i posti auto riservati ai residenti sono stati ridotti drasticamente. Da 347 posti, solo nella city sono adesso disponibili 181 posti, mentre i permessi sono 360. E’ evidente che i posti disponibili non sono sufficienti. E allora, dove mettere l’automobile? “In garage, bisogna pagare il prezzo della riqualificazione”, spiega Nuzzolo, che aggiunge: “Napoli è l’unica città dove i posti auto sono in strada”. Forse l’assessore ha dimenticato che anche nelle altre città un numero di posti è riservato ai residenti. Posti in strada, s’intende. Come a Genova, dove la Genova Parcheggi garantisce (a pagamento, s’intende) il posto auto ai residenti, anche con tariffe differenziate: circa 50 euro al mese per un posto ‘privato’, 25 all’anno invece per parcheggiare in un’area riservata alla sosta residenti (ma senza la sicurezza di trovare posto). Cifre che sono ben al di sotto di quanto dovrebbe spendere un napoletano per mettere l’automobile in un garage, dove le tariffe raggiungono anche i quattro euro all’ora. Per arrivare, con abbonamenti mensili, a somme che sono sicuramente lontane dai 50 euro liguri. Ma c’è dell’altro. “La macchina non è un bene primario”, sottolinea Nuzzolo, che a quanto pare ha poca dimestichezza con i mezzi pubblici napoletani, oppure può permettersi di sborsare un migliaio di euro per assicurare un due ruote. Ma c’è anche, ovviamente, una nota positiva che potrebbe risolvere l’emergenza parcheggio per i residenti: “Ho pensato, - dice Nuzzolo, - di accorpare i posti auto per le zone 1°, 1b, 1d”. Insomma tutta la city, in modo da far salire l’offerta di strisce blu per i residenti a circa 700 posti. Ma per vedere qualcosa di concreto, c’è ancora da attendere. “Risentiamoci il 15 luglio”, conclude l’assessore al Velino.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©