Cronaca / Rosa

Commenta Stampa

Cento aspiranti modelle fotografate da Claudio Molinaro

Obiettivo donna, arriva il caledario dell'Unità d'Italia


Obiettivo donna, arriva il caledario dell'Unità d'Italia
26/10/2011, 17:10

NAPOLI - Un po’ Anita Garibaldi, un po’ Sofia Loren hanno posato disinvolte davanti all’obiettivo per mostrare all’Italia intera l’altra faccia di Napoli. Quella della solarità, dell’ospitalità e della bellezza tutta mediterranea in barba ai luoghi comuni che vogliono la città all’ombra del Vesuvio solo sommersa dai rifiuti. Sono le donne che hanno partecipato al casting napoletano per il progetto “Obiettivo Donna – calendar 2012” ideato da Claudio Molinaro. Nella splendida cornice del ristorante “Renzo e Lucia” in via Tito Angelini al Vomero, le rappresentanti del gentil sesso partenopeo si sono lasciate immortalare dal fotografo torinese per il primo calendario sui 150 anni dell’Unità d’Italia che verrà presentato a Torino a fine novembre. Nella tappa napoletana Molinaro ha fotografato oltre un centinaio di aspiranti modelle, tra i 35 e i 60 anni, pronte a mettersi in gioco per valorizzare le bellezze del sud della penisola. L’iniziativa ha visto la partecipazione di donne dalle più svariate esperienze: dall’impiegata, alla studentessa, all’imprenditrice, all’insegnante a finire alla bancaria. Tutte con un unico obiettivo: offrire un’immagine diversa e non stereotipata della bellezza made in Italy e, in particolare, made in Naples. «Quest’anno abbiamo voluto dedicare il calendario ai festeggiamenti per il cento cinquantenario dell’Unità del paese – spiega Molinaro – attraversando l’Italia da Nord a Sud per scoprire bellezze diverse dai soliti modelli femminili. A partire dalla fascia d’età, infatti, abbiamo pensato di estendere alle ultra cinquantenni la partecipazione, partendo dalla considerazione che ogni donna ha le sue risorse spesso non valorizzate. E le napoletane hanno mostrato di riuscire a non prendersi sempre sul serio. Simpatiche, esuberanti e solari come la loro città». Selezionate tramite un “tam tam” su Facebook e i contatti diretti tramite le agenzie specializzate, le aspiranti donne-calendario hanno posato in abiti colorati ed eleganti che ne hanno esaltato la napoletanità. Bionde, more, rosse sono state fotografate sullo sfondo del Belvedere di San Martino, da dove si può ammirare il Golfo di Napoli, tra i luoghi più famosi e celebrati dai pittori di tutti i tempi, che diventerà uno dei mesi del calendario “Obiettivo Donna”. Le candidate che risulteranno più fotogeniche saranno, infatti, selezionate per partecipare alla presentazione del progetto nella città di Torino, alla presenza delle istituzioni locali, in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità. «La nostra idea – sottolinea il fotografo – è stata quella di dare spazio non solo ad una figura femminile dalle misure fisiche tradizionali, ossia le mannequins filiformi che sfilano sulle passerelle, ma anche e soprattutto a donne che con i loro chili in più magari rispecchiano maggiormente le caratteristiche somatiche delle diverse realtà del paese». Le selezioni sono state riprese da una telecamera, davanti la quale ciascuna partecipante ha raccontato la propria esperienza di donna, moglie, madre e lavoratrice. «Nessuna di noi è Gisele Bundchen o Eva Herzigova – commenta sorridente Cristina, 37 anni, di Somma Vesuviana – io sono sposata ed ho due bambini, ho la taglia 44 e qualche chiletto di troppo ma il bello è mettersi in gioco e non prendersi troppo sul serio. Una qualità che è tipica di noi donne del Sud». Le fa eco il sorriso di Anna, Francesca, Giovanna e le altre che strizzano l’occhio all’obiettivo, incrociando le dita nella speranza di vedere i loro volti stampati sul calendario di “Obiettivo Donna” dedicato quest’anno all’Unità d’Italia.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©

Correlati