Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una 19enne e un 20enne arrestati con l’accusa di estorsione

Offriva sesso. Il complice ricattava i clienti: “È minorenne”


Offriva sesso. Il complice ricattava i clienti: “È minorenne”
24/02/2011, 12:02

Avvicinava i clienti di un centro commerciale con cui si appartava poi nei bagni, mentre un complice filmava i rapporti sessuali e poi chiedeva loro denaro affermando che la ragazza era minorenne. Con questa accusa una giovane italiana di 19 anni originaria del Centro Italia e un ventenne albanese sono stati arrestati dai carabinieri al centro commerciale ‘Millenium’ di Rovereto. Devono rispondere adesso di estorsione. Secondo una prima ricostruzione, ieri sera la ragazza ha avvicinato un trentenne e gli ha proposto un rapporto sessuale da consumare nei bagni. Rapporto che è stato filmato con il telefonino dal complice albanese. Alla fine questi si è avvicinato al trentenne e gli ha fatto subito vedere il video. “La ragazza è minorenne - gli ha detto - perciò ti conviene pagare, altrimenti vado a denunciare il fatto”. Ottenuti 50 euro dalla vittima, l’albanese e la ragazza si sono allontanati ma sono stati in breve fermati da un carabiniere in borghese, avvertito dalla vittima dell’estorsione, suo conoscente. I due arrestati avrebbero ammesso di avere compiuto in passato altre estorsioni di questo tipo, anche se al momento non risultano però denunce.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©