Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma il web e la politica locale si ribella

Olbia: consiglere Pdl propone di bruciare tutti i cani randagi


Olbia: consiglere Pdl propone di bruciare tutti i cani randagi
29/08/2010, 11:08

OLBIA - Ha destato molto rumore la proposta choc del consigliere regionale sardo Gianfranco Bardanzellu di bruciare i cani (circa 700) che sono nei canili municipali di Olbia, per eliminare il problema del randagismo. La prima ed immediata reazione è arrivata dalla rete, in particolare da Facebook. Non si contano le proteste ed i gruppi creati ad hoc da utenti palesemente contrari ad una simile crudeltà gratuita.
Ma proteste sono anche arrivate da chi affonta sul territorio la questione. Per esempio Gianni Giovannelli, sindaco di Olbia, che ha negato di avere intenzioni così crudeli: "La città di Olbia rifiuta in modo assoluto anche solo i concetti espressi dal consigliere regionale. Qui centinaia di volontari, o anche solo semplici cittadini, si danno da fare per cercare di salvare quante più anime possibili e non possono che sentirsi mortificati dalle parole di Bardanzellu il quale, invece, in quanto consigliere regionale, meglio avrebbe fatto ad almeno tentare di aumentare i fondi destinati alla questione dei cani randagi".
Reazione simile da parte di Cosetta Prontu, presidente della Lida, che ha invitato piuttosto il consigliere Bardanzellu ad aumentare le disponibilità economiche per il Comune, affinchè possa affrontare il problema del randagismo con migliori risorse e quindi, in definitiva, risolvero senza ammazzare nessuno.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©