Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Grande folla e grandi applausi per il padre della tv

Oltre 8000 per salutare Mike Bongiorno


Oltre 8000 per salutare Mike Bongiorno
12/09/2009, 11:09

La bara con il corpo di Mike Bongiorno al Duomo di Milano per i funerali di Stato. Un fragoroso applauso della folla accalcata intorno alle transenne ha accolto l'arrivo della salma. Ad attendere il feretro del presentatore davanti al portale del Duomo, la moglie Daniela, i capelli raccolti in una rete nera, e i tre figli Leonardo, Michele e Nicolò stretti in un abbraccio.

"Era un uomo felice di vivere, uno sposo e un padre affettuoso, una persona che suscitava amicizia, ero uno spirito retto, preoccupato - specie negli ultimi tempi - che la televisione non fosse più in grado di assolvere soprattutto un compito educativo e si lasciasse invece andare ad una deriva dominata dal cattivo gusto". E' un passaggio dell'omelia di mons. Erminio De Scalzi che celebra la messa per il funerale di Mike Bongiorno. "Mike - ha detto mons. De Scalzi - non è stato soltanto un grande uomo di televisione come tutti in questi giorni hanno riconosciuto, il primo presentatore della tv italiana, il professionista che ha marcato con la sua presenza le diverse tappe della nostra televisione. Era un uomo felice di vivere".
Dopo aver ricordato la preoccupazione di Mike per il "cattivo gusto" della tv, mons. De Scalzi ha commentato: "Forse, proprio per questo è stato un valente professionista che è entrato con garbo e rispetto nelle nostre case". "La sua - ha proseguito - era una televisione educata, civile, che ha suscitato l'entusiasmo del grande pubblico ma insieme si è posta all'attenzione anche delle persone colte. Ha donato alla gente comune momenti di protagonismo con la capacità di fermarsi con grande rispetto sul limitare della vita intima e personale di ciascuno". "Oggi - ha concluso mons. De Scalzi - con l'affetto di innumerevoli persone consegniamo questo fratello nelle mani di Dio: è lì la vera e indefettibile felicità, compresa, io penso, quella che lui chiamava 'allegria'".

Un fragoroso applauso ha riempito il Duomo di Milano alla conclusione dell'omelia. La predica è stata chiusa, con la parola 'allegria' che ha contraddistinto tutta la ultra cinquantennale carriera del presentatore scomparso martedì scorso.

C'e anche Pippo Baudo tra la sei persone che trasportano a spalla fuori al Duomo la bara di Mike Bongiorno al termine dei funerali di Stato. Baudo, visibilmente commosso, ha voluto accompagnare la salma del suo amico e collega sul sagrato del Duomo dove avrà luogo la commemorazione. Un applauso continuo ha accompagnato il percorso della bara.

Almeno sei-settemila persone affollano piazza Duomo per i funerali di Mike Bongiorno, mentre la cattedrale è stracolma con la presenza di almeno cinquemila persone. Una fila incessante di persone continua ad entrare nella cattedrale, guadagnando gli ultimi posti disponibili all'interno della chiesa. Ma la maggior parte delle persone, dissuasa dalla coda, ha preferito assieparsi attorno alle transenne per assistere ai funerali dal maxischermo. Molti fra chi si è guadagnato un posto sulla prima fila attorno alla recinzione, sono arrivati in piazza Duomo nelle prime ore del mattino. "Sono qui dalle 7 - spiega Eleonora, milanese di 62 anni - mi spiace non essere in chiesa, ma è un momento troppo importante per non esserci". Qualcuno, come Marino, portalettere di Argegno (Como), ha chiesto un giorno di congedo dal lavoro, pur di non mancare alle esequie del presentatore morto all'età di 85 anni martedì a Montecarlo. "Ho preso il treno poco prima delle 6 per arrivare in tempo a Milano - racconta- Mike ha scritto la nostra storia, è stato un personaggio unico".

Su alcune transenne sono stati affissi degli striscioni con la scritta: "Mike ti vogliamo bene" e "Grazie Mike, l'Italia ti vuole bene". In piazza del Duomo sono già state allestite anche le postazioni televisive per la trasmissione in diretta dei funerali di Mike Bongiorno.

Tra le corone sistemate davanti all'altare del Duomo, c'é anche la corona del presidente della Repubblica. Le altre sono quelle del presidente del Consiglio, del presidente delal Camera e del presidente del Senato. Il Duomo si sta lentamente riempiendo. La celebrazione è presieduta da monsignor Erminio De Scalzi, vescovo vicario episcopale del cardinale Dionigi Tettamanzi. Le due letture sono state affidate una al figlio Michele, l'altra al figlio Nicolò.

"Era un uomo buono, dispensatore di positività". Così il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, arrivando in Duomo per partecipare ai funerali di Mike Bongiorno. "Ho lavorato con lui per tanti anni - ha detto il premier -. Di lui forse si devono dire le cose più elementari: era un uomo buono, semplice, giusto. Aveva un grande rispetto per gli altri, soprattutto per quelli che avevano meno, per i più deboli. Credo che la sua sia stata una vita esemplare".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©