Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Omaggio a Mina all'Auditorium Parco della Musica


Omaggio a Mina all'Auditorium Parco della Musica
16/03/2011, 16:03

Martedì 22 marzo l'Auditorium Parco della Musica di Roma sarà la cornice ideale per un omaggio alla grande Mina , voce intramontabile e inimitabile ma sempre presente nelle orecchie e nel cuore degli amanti della buona musica. Il repertorio della “Tigre di Cremona”, selezionato e curato nei minimi particolari, sarà per la prima volta interpretato in un recital-concerto da una voce maschile, quella di Alessandro Fontana , attore e cantante dal prestigioso curriculum che purtroppo – dopo un’intensa carriera passata al fianco di attori quali Gigi Proietti, Valeria Moriconi, Alida Valli, Massimo Ranieri e registi come Gabriele Lavia, Pietro Garinei, Giancarlo Sepe, Saverio Marconi e Giancarlo Cobelli - ha conosciuto il dolore a causa di una tenace forma di meningite dal quale è riuscito miracolosamente a guarire, pur conservandone i segni. Da figura di spicco nei musical - alcuni dei quali scritti appositamente per lui – e dopo aver cantato per musicisti prestigiosi come Ennio Morricone e Nicola Piovani - Alessandro non si è scoraggiato per la sua malattia e ha trovato la forza di tornare a lavorare, dando voce con il suo lavoro all’A.S.A.M.S.I. (Associazione Studio Atrofie Muscolari Spinali Infantili), fondata dalle famiglie che hanno bambini malati di SMA, per poi calcare nuovamente le scene come protagonista dello spettacolo “Goldoni 1750” di Augusto Zucchi, rappresentato alla Biennale di Venezia. Ed è la stessa determinazione e motivazione ad andare avanti che gli ha consentito di concepire e realizzare lo spettacolo Mi sei scoppiata dentro al cuore - Mina: le canzoni, un’epoca, una storia, un viaggio che inizia negli anni '60 e termina nel 1978, anno della morte di Aldo Moro e anche del ritiro definitivo dalle scene di Mina Mazzini, un periodo storico denso di sogni, illusioni, speranze, rivoluzioni, delusioni. E lei, modello, anticipatrice di mode e modi, con le sue canzoni famose, in cui ci rispecchiamo e che tutti almeno una volta abbiamo canticchiato, come un filo d’oro, prezioso, impalpabile, lega i flash di un’epoca che ha determinato il nostro presente. Una serata speciale, one man show unico nel suo genere, per far conoscere l’A.S.A.M.S.I. e ridare la speranza ad un bambino di poter tornare a sorridere. Una bella occasione per fare del bene e per apprezzare il coraggio di un artista che ha saputo sfidare le avversità della vita proprio attraverso il suo grande talento. Si ringraziano per la collaborazione e il patrocinio il Comune di Roma Assessorato alla Cultura e al Centro storico, il Segretariato Sociale della Rai, A.S.A.M.S.I., A.I.A.S. (Associazione Italiana Assistenza Spastici), Intesa SanPaolo, The Fab Max Company e Intermedia. A.S.A.M.S.I. è un'associazione ONLUS per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili (SMA). Il suo scopo principale è quello di raccogliere fondi per promuovere convegni, studi e ricerche allo scopo di aumentare la conoscenza di questa patologia e di individuarne la terapia più adatta. Categorie di persone beneficiarie dell’attività o di specifiche iniziative dell'associazione sono tutti coloro che vi aderiscono e quindi sono affetti da atrofia muscolare spinale nelle varie forme cliniche. Complessivamente il numero dei soci è di circa 220. Sono tutti disabili gravi con handicap riconosciuto del 100% e risiedono in tutto il territorio nazionale. Semestralmente A.S.A.M.S.I. pubblica un notiziario, con tiratura di 3000 copie, che viene inviato gratuitamente alle famiglie con casi di SMA o Distrofie Muscolari in genere e a tutti i sostenitori dell'Associazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©