Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Omicidio 18enne, spunta la pista della camorra -video

Nuova faida ad Ercolano

.

Omicidio 18enne, spunta la pista della camorra -video
06/03/2014, 09:52

Potrebbe presto assumere contorni investigativi ben più vasti l'inchiesta sull'omicidio di Gaetano Lavini, il 18enne accoltellato a morte a Ercolano, sabato scorso. Dopo il fermo del presunto assassino, Vincenzo Perna, emergono nuovi particolari che potrebbero offrire una nuova chiave di lettura non solo dell'episodio, ma dell'intera (magmatica) geografia criminale cittadina.

E questo perché, secondo alcune indiscrezioni giudiziarie, proprio il presunto killer sarebbe stato picchiato alcune settimane fa nel corso di una spedizione punitiva a cui avrebbero partecipato anche esponenti del clan Ascione-Papale che, storicamente, controllano una parte di Ercolano in contrapposizione alla famiglia Birra.

Lavini – e questo è stato accertato dai carabninieri che si stanno occupando del caso – il giorno del delitto era in compagnia del nipote del boss Giovanni Birra, storico esponente della criminalità organizzata del Vesuviano. E, proprio Birra jr, poteva essere il vero obiettivo dell'aggressore (sempre se sarà confermata la prima sommaria ricostruzione dei fatti).

Dunque: il delitto di Lavini, che tra poche settimane sarebbe diventato papà, potrebbe nascondere in realtà una ripresa della violenza nella città di Ercolano, rimasta sotto traccia in tutti questi anni. Il che potrebbe preludere a una nuova guerra di camorra tra i vicoli di Pugliano tra i killer dei due gruppi. Proprio in quelle stesse strade dove si è consumato l'omicidio di un 18enne dalle amicizie sbagliate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©