Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Ancora da chiarire chi abbia assassinato i coniugi

Omicidio Ambrosio, convalidati i fermi per i tre romeni


.

Omicidio Ambrosio, convalidati i fermi per i tre romeni
18/04/2009, 17:04

Questa mattina il gip Luigi Giordano ha convalidato i fermi ed emesso le ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei tre romeni arrestati nei giorni scorsi con l’accusa di aver massacrato i coniugi Ambrosio la notte tra martedì e mercoledì, nella villa di Posillipo, a Napoli. Il giudice ha accolto le richieste del pm Antonio D’Alessio. In attesa del processo, quindi, rimarranno nel carcere di Poggioreale Marius Vasile Acsiniei, muratore di 22 anni che fino a pochi mesi fa aveva lavorato come giardiniere nella villa della Discesa Gaiola, Valentin Dumitriu, stalliere di 22 anni, e Calin Petrica, operaio in un autolavaggio, tutti incensurati.

Nell’ordinanza firmata dal gip viene rimarcata “l’eccezionale gravità del fatto” e viene sottolineato che gli indagati, colpendo più volte le vittime, “hanno adoperato una violenza enorme, eccessiva e soprattutto spropositata rispetto all’azione criminosa in corso”. Il giudice ha inoltre evidenziato che “nessuno degli indagati abbia mostrato segni di pentimento o anche una chiara consapevolezza della gravità di quanto avvenuto”.

Durante l’udienza di convalida Dumitriu si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre Acsiniei e Petrica si sono sottoposti all’interrogatorio di garanzia. Tutti hanno confessato il bivacco e la rapina, descrivendo nei dettagli l’organizzazione del colpo e ribadendo che credevano che al momento la villa fosse vuota, ma nessuno di loro si è addossato le colpe del duplice omicidio. Anzi, si sono accusati a vicenda. Le discrasie rimaste sono quindi quelle relative a chi abbia materialmente colpito a morte Franco Ambrosio e Giovanna Sacco. Acsiniei, l’ex giardiniere del re del grano, ha sostenuto che a sferrare i colpi è stato Dumitriu. Petrica invece ha detto al gip di essere entrato nella villa quando gli omicidi erano stati già compiuti.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©