Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Traditi da un cellulare, "prove schiaccianti"

Omicidio Ambrosio: fermati tre romeni


.

Omicidio Ambrosio: fermati tre romeni
16/04/2009, 17:04

Tre fermi nei confronti di immigrati romeni in relazione all'omicidio dei coniugi Ambrosio. I fermi sono stati eseguiti dalla polizia. Uno dei fermati sarebbe stato individuato per l'uso di uno dei cellulari rubati nella villa dell' imprenditore. Le indagini della Squadra Mobile si stanno concentrando su cittadini di etnia rom.

Il questore di Napoli Santi Giuffré considera "risolto il caso" ed afferma che "gli elementi a carico dei tre immigrati romeni fermati sono schiaccianti". Giuffré ha parlato con i cronisti poco prima dell'inizio della conferenza stampa convocata in procura dopo i fermi dei tre romeni.

Insulti e urla, davanti alla Questura di Napoli, all'uscita dei tre fermati. Una quarantina di persone ha inveito contro i romeni accusati del duplice efferato delitto messo in atto nella villa di Ambrosio.

E' stato il romeno di 22 anni - fermato stamane dalla polizia con l'accusa di aver partecipato al duplice omicidio dei coniugi Ambrosio - a consentire l'individuazione dei due presunti complici attualmente sotto interrogatorio in questura. Al giovane si è giunti grazie a intercettazioni telefoniche, in quanto ha utilizzato poco dopo il delitto uno dei telefonini rubati nella villa.

I decreti sono stati firmati dal procuratore della Repubblica di Napoli Giovandomenico Lepore.

Sarà eseguita domani l'autopsia sui cadaveri dell'imprenditore Franco Ambrosio e della moglie Giovanna Sacco, uccisi nella loro villa a Posillipo nella notte tra martedì e mercoledì. Dai risultati dell'esame autoptico gli investigatori si attendono risposte ad alcuni interrogativi: la morte di Ambrosio - secondo una valutazione basata sulla temperatura dei corpi - risalirebbe ad almeno 30 minuti prima della morte della moglie. Da accertare anche se l'ex "re del grano" abbia tentato di reagire quando ha visto i ladri. Il corpo contundente con cui i due sono stati colpiti alla testa non è stato individuato e, dal numero dei colpi inferti, si potrà anche comprendere se la banda che ha aggredito i coniugi abbia infierito con l'intenzione di uccidere vibrando numerosi colpi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©