Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In manette un 23enne napoletano

Omicidio Aristir: un arresto per estorsione a Portici

L'uomo condotto al carcere di Secondigliano

Omicidio Aristir: un arresto per estorsione a Portici
29/12/2010, 12:12


PORTICI (Na) - Gli agenti del commissariato di Polizia Portici - Ercolano hanno arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere Emanuele Di Clemente, 23enne napoletano. Il giovane era destinatario, unitamente a Fabio Crocella ed Antonio Macrì entrambi napoletani di 31 e 32 anni, del decreto di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli Direzione Distrettuale Antimafia, P.M. dott. Sergio Amato, in merito ai fatti avvenuti a Napoli lo scorso 26 Novembre nella zona del mercato, dove furono attinti da diversi colpi d’arma da fuoco due cittadini albanesi, nella circostanza Cela Aristir rimase ucciso mentre Dredhaj Armando riportò gravi ferite. Il giovane ormai vistosi braccata dalla Polizia si è presentato nel pomeriggio di ieri presso il commissariato Portici-Ercolano dove è stato arrestato in esecuzione dell’ordinanza che lo vede indagato per il solo reato di tentata estorsione aggravata, avendo in concorso con gli altri due giovani, tentato di estorcere 700 euro ai due albanesi quale corrispettivo dell’attività di prostituzione della convivente degli stessi. L’uomo è stato condotto al carcere di Secondigliano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©