Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Esito negativo per la perizia dei medici

Omicidio Claps, il Dna ritrovato non è di Restivo


Omicidio Claps, il Dna ritrovato non è di Restivo
30/07/2010, 20:07

POTENZA – Il Dna estratto dalle tracce di sperma trovate nel sottotetto della Chiesa della Trinità a Potenza non appartengono a Danilo Restivo. L’annuncio è arrivato questa sera, dopo l’esame del reperto. Salta così l’ipotesi secondo la quale il giovane sarebbe implicato nell’omicidio di Elisa Claps, i cui resti sono stati rinvenuti lo scorso 17 marzo.
In un primo momento, i periti, guidati dal professore Vincenzo Pascali, direttore dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università Cattolica di Roma, hanno prelevato il liquido seminale e lo hanno confrontato con quello di due uomini, uno dei quali è Restivo: l’esito è stato negativo.
Elisa Claps era scomparsa il 12 settembre del 1993. A marzo il ritrovamento del cadavere. I difensori di Restivo, Stefania e Mario Marinelli, non hanno commentato l'esito della perizia, favorevole all'indagato, mentre ha mostrato indifferenza il legale della famiglia Claps, Giulia Scarpetta. "Non c'era dubbio che non fosse suo quel Dna"- ha detto- "Che si trovino tracce del Dna di Restivo nel sottotetto è, secondo me, improbabile e, come ho più volte detto, del tutto inessenziale. Gli elementi a carico di Restivo e la sua firma sull'efferato delitto di Elisa risiedono in tutte le altre prove già acquisite, non ci serve di più e non ci aspettiamo di più ".

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©