Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il pm contrario allo sconto di pena

Omicidio di Sanaa: chiesto l'ergastolo per il padre


Omicidio di Sanaa: chiesto l'ergastolo per il padre
14/06/2010, 16:06

PORDENONE - Ergastolo e isolamento diurno per due anni. Questa la richiesta del Pm, Maria Grazia Zaina, nel processo per la morte di Sanaa, la giovane marocchina uccisa dal padre nel 2009.
El Ketaoui Dafani, questo il nome dell’uomo, il 15 settembre dello scorso anno aveva ammazzato la ragazza sgozzandola con un grosso coltello da cucina che aveva acquistato poco prima del delitto. Poi, aveva anche ferito il fidanzato della figlia, Massimo De Blasio, che aveva inutilmente cercato di difenderla.
Al processo di oggi, il pubblico ministero si è detto contrario allo sconto di pena chiesto dalla difesa, nonostante Dafani abbia anche cercato in aula di chiedere scusa per quanto commesso. Souad Sbai, presidentessa delle donne marocchine in Italia, si aspetta "la massima pena" per il padre di Sanaa . "Sanaa - ha detto Sbai, entrando nel Tribunale di Pordenone dove stamani è cominciato il processo contro El Ketaoui Dafani, nel quale l'associazione è stata ammessa come parte civile - è stata decapitata, massacrata con le mani dal padre. Basta integralismi, basta estremismi lo Stato deve prendere in mano la comunità. Nessuna attenuante culturale e religiosa perché ciò infangherebbe il mondo arabo e islamico: qui - ha aggiunto - c'é stata una ragazza uccisa per questioni di pressioni esercitate da alcuni personaggi della comunità". La presidentessa ha aggiunto di essere rammaricata di dover presenziare ad un processo tanto terribile: "Oggi siamo qui a Pordenone dove non si sente una bella aria. Non vedo comunità, non vedo donne, non vedo ragazze che vanno in giro. C'é qualcosa che non va". "C'é qualcosa - ha aggiunto Sbai - che mi preoccupa ancora di più: c'é qualcuno, qualche estremista che controlla, fa lo 'sceriffo' in questa città e dobbiamo fermarlo al più presto, perché è proprio colpa di alcuni personaggi integralisti che accadono queste tragedie".

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©