Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

SIamo ancora nella fase delle questioni preliminari

Omicidio Garlasco: terza udienza preliminare, in aula Stasi


Omicidio Garlasco: terza udienza preliminare, in aula Stasi
13/03/2009, 10:03

E' iniziata oggi, presso il Tribunale di Vigevano, la terza udienza sull'omicidio di Garlasco, in cui Alberto Stasi è accusato di avere ucciso la sua fidanzata Chiara Poggi. E' ancora un'udienza interlocutoria, in cui verranno sollevate eccezioni. In particolare, appare sicuro che la Difesa si concentrarà su due aspetti. Innanzitutto il computer portatile sequestrato ad Alberto. Al suo interno gli esperti hanno trovato memorizzate fotografie e filmati pornografici e anche qualche foto pedopornografica. Questo viene visto dall'accusa come uno dei moventi del delitto: Chiara vede le foto pedopornografiche, litiga con Alberto che la uccide. Ma i legali asseriscono che il computer è stato acceso e spento diverse volte tra la data del sequestro e quella in cui è avvenuto l'esame tecnico e questo può aver causato un "intorbidimento" delle prove.
Il secondo punto in discussione sono le tracce di DNA di Chiara Poggi trovate sul dispenser del sapone nella villa dell'omicidio, insieme ad una impronta di Stasi. Per l'accusa è la prova che Alberto si è lavato nel bagno, per eliminare le tracce di sangue, dopo l'omicidio e quelle potrebbero essere tracce del sangue di Chiara, lavate. Ma la difesa obietta che sono tracce del DNA non chiare (cosa vera) e che l'attribuzione a Chiara è dubbia, anche se i consulenti del Pubblico Ministero hanno detto che sono compatibili, con le tracce trovate, solo una persona ogni 700 mila. Bisogna vedere cosa deciderà il GUP.
Nel frattempo le forze dell'ordine hanno avuto il loro daffare a transennare la zona intorno per controllare la calca di curiosi che si affolla vicino al Tribunale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©