Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Omicidio Meredith: consulente Sollecito "vetro rotto dall'esterno"


Omicidio Meredith: consulente Sollecito 'vetro rotto dall'esterno'
03/07/2009, 13:07

Continua, presso il Tribunale di Perugia, il processo per l'omicidio di Meredith Kerchner, la studentessa inglese trovata uccisa nella sua abitazione il primo novembre 2006. Oggi è toccato al consulente di Raffaele Sollecito, uno degli imputati insieme ad Amanda Knox. Chiamato a discutere della finestra della camera di Meredith spaccata da un sasso, ha contestato la tesi dell'accusa, che vede solo un maldestro tentativo di alterare le prove del delitto. Secondo il consulente, invece il sasso (del peso di ben quattro chilogrammi), è stato lanciato dall'esterno e col preciso scopo di spaccare il vetro. E durante la deposizione, il consulente ha indicato anche l'autore del gesto: Rudy Guedè, l'ivoriano già condannato davanti al GIP a 30 anni di reclusione.
La deposizione del consulente è stata accompagnata da filmati, realizzati con una finestra assolutamente identica a quella dell'appartamento della Kerchner, che dimostrerebbero le sue affermazioni. Nel corso della giornata sono previste le audizioni anche di altri testi della difesa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©