Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Omicidio Meredith: parlano i genitori di Amanda e Raffaele


Omicidio Meredith: parlano i genitori di Amanda e Raffaele
19/06/2009, 13:06

Nuova udienza del processo per l'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa il primo novembre del 2007. Oggi c'erano le deposizioni del padre di Raffaele Sollecito e della madre di Amanda Knox; i due imputati del processo. Il primo a parlare è stato Francesco Sollecito, che ha detto che il figlio Raffaele amava Amanda Knox, la trattava come una bambina, ma non era il tipo da far del male a nessuno. Inoltre ha consegnato al Tribunale un dossier in cui si esaminano i filmati dei sopralluoghi e si descrivono gli errori fatti durante le indagini. Errori "che costano a mio figlio la galera ancora adesso", ha specificato il signor Sollecito.
Poi è toccato alla signora Knox che, con l'aiuto del'interprete, ha detto che la figlia non ha mai pensato di lasciare l'Italia e che stava malissimo per il fatto di aver dovuto trascinare Patrick Lumumba nel processo (ricordiamo che secondo la versione difensiva, Amanda Knox fu costretta in Procura - con percosse e minacce - ad accusare Lumumba e se stessa, ndr)

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©