Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' un 26enne molto vicino alla famiglia. Forse un parente

Omicidio Pavia, c'è un fermo per la morte di Gianluca


Omicidio Pavia, c'è un fermo per la morte di Gianluca
27/11/2012, 10:37

PAVIA – C’è una svolta nelle indagini per l’omicidio di Gianluca Serpa, il diciottenne morto dissanguato dopo essere stato accoltellato al cuore a Chignolo Po (Pavia). Gli inquirenti hanno fermato un 26enne, pare  molto vicino alla famiglia: molto probabilmente potrebbe essere un parente. Nella notte sono continuati gli interrogatori per cercare di ricostruire le ultime ore del giovane ancora avvolte dal mistero.

Gianluca, secondo di 5 fratelli, lavorava con il padre Giacomo piccolo imprenditore edile e nel tempo libero giocava a calcio nella Atletica del Po 2000.

Uno degli aspetti che resta più oscuro è la dinamica del ritrovamento del giovane. In un primo tempo sembrava fosse stato rintracciato dal padre, mentre in un secondo momento è emerso che sarebbe stato uno dei fratelli a trovarlo ferito sulla strada. Secondo le testimonianza raccolte pare che Gianluca, agonizzante in mezzo alla strada davanti al bar di paese, sarebbe stato comunque cosciente: né al padre né al fratello, che lo hanno poi portato in auto al pronto soccorso di Castel San Giovanni, però avrebbe rivelato alcun elemento su chi lo aveva aggredito.

Gli inquirenti non escludono una lite in ambito familiare. Nella tarda serata di ieri, in un cassonetto vicino alla casa dello zio del 18enne, è stata ritrovata l'arma del delitto, un coltello da cucina: gli inquirenti non escludono che l'accoltellamento di Gianluca possa essere avvenuto nelle vicinanze e che poi il giovane si sia trascinato fino al luogo del ritrovamento. Tra le ipotesi formulate dagli investigatori, inoltre, c’è anche quella di una discussione tra due persone molto vicine a Gianluca. Discussione nata per motivi di lavoro e, poi, degenerata: il giovane, finito nel mezzo alla lite, ne avrebbe pagato le conseguenze. Le ferite sul suo corpo, una al cuore e una all'addome, rivelerebbero che si sia trattato di un delitto d'impeto. E conferme in questo senso potrebbero venire già dalle prossime ore, dagli accertamenti scientifici e dall'autopsia.  Intanto le forze dell’ordine stanno in queste ore passando al vaglio le immagini dalle telecamere di sorveglianza della zona: forse da qui potrebbe arrivare qualche altro particolare sull’omicidio di Gianluca. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©