Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Omicidio Poggi: perizia smonta alibi di Stasi


Omicidio Poggi: perizia smonta alibi di Stasi
29/01/2009, 16:01

Nuova perizia, fatta dal medico legale Marco Ballardini, sull'omicidio di Chiara Poggi, al fine di determinare con più esattezza l'ora della morte della ragazza. Infatti la Difesa sostiene che l'ora della morte va a collocarsi tra le 9 e le 10 della mattina del 13 agosto 2007; ma in quell'orario Alberto Stasi stava a casa, cosa dimostrata dal fatto che la madre, che stava in Liguria, aveva telefonato a casa e parlato pochi minuti con Alberto. Ma il Dottor Ballardini smonta la perizia difensiva, fatta dal Professor Francesco Avato. Innanzitutto fa notare come la Difesa, nel valutare il tempo necessario per raggiungere il rigor mortis, sia partita dal fatto che la ragazza pesasse 60 Kg., in quanto formosa; mentre durante l'autopsia il peso era stato stabilito tra i 45 e i 50 Kg. Inoltre, la temperatura atmosferica rilevata era quella presa dall’osservatorio metereologico “Associazione Irrigazione Est Sesia-Ufficio Centrale Idrometria e Catasto” in tre paesi nei dintorni di Garlasco; ma non è detto che a Garlasco la temperatura fosse quella, nè che fosse quella la temperatura della stanza in cui stava il cadavere della Poggi.
Queste ed altre considerazioni spostano l'orario della morte in un orario che va tra le due e le quattro ore antecedenti il ritrovamento del cadavere della Poggi. L'ambulanza arrivò alle 14.11 e quindi l'orario della morte di Chiara Poggi va a collocarsi tra le 10 e le 12.30; più probabilmente verso le 11-11,30. Orario che comunque smonta gli alibi di Alberto Stasi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©