Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Salvatore Parolisi è indagato con l'accusa di omicidio

Omicidio Rea, il marito:"Mi sento come Cristo in croce"


Omicidio Rea, il marito:'Mi sento come Cristo in croce'
21/06/2011, 21:06

Salvatore Parolisi, indagato con l'accusa di aver ucciso la moglie Melania, proclama ancora una volta la sua innocenza. "Mi sento come Cristo in croce. Sono pulito dentro", ha ribadito il militare per il quale l'iscrizione al registro degli indagati è "una prassi. Per me non cambia nulla". "Non ho fatto nulla - ripete - e arriverò fino alla cima della verità non mi fermo alla prima montagna, sono stato un alpino". Qualcuno glielo ha detto spesso: "Non piangi e, quindi, sei colpevole". Parolisi spiega il perché: "Non sono io che devo piangere, ma chi ha ucciso mia moglie". Porta sempre la fede. Ribadisce che "tutto quello che viene detto su di me, tutte le cattiverie, ormai mi scivolano addosso". "Chiedete, chiedete a tutti chi è Salvatore Parolisi - dice nel cortile di casa sua - Io sono lo specchio di me stesso, sono così pulito che posso specchiarmi e vedermi". "Io non mi sono mai tirato indietro e mai lo farò - aggiunge - gli stessi avvocati li ho presi per tenere a bada i giornalisti. Io non ho nulla da temere e credo nella giustizia, ho sempre detto la verità".

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©