Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La svolta nelle indagini: nuova ricostruzione dell'omicidio

Omicidio Rea: la Procura chiede l’arresto di Parolisi

L’uomo si trova a Frattamaggiore, a casa dei suoi genitori

Omicidio Rea: la Procura chiede l’arresto di Parolisi
15/07/2011, 13:07

ASCOLI PICENO – La Procura di Ascoli ha chiesto l’arresto di Salvatore Parolisi, marito e unico indagato per la morte di Melania Rea, avvenuta lo scorso 18 aprile nel bosco di Ripe di Civitella, nel teramano. Tale richiesta, per omicidio volontario aggravato, è stata avanzata dal gip Carlo Calvaresi, che adesso non ha limiti di tempo per far eseguire l’arresto o decidere di rigettare la richiesta dei pm. A riportarlo è il sito del giornale abruzzese “Il Centro”, secondo il quale, a questo punto, si è dinanzi ad una vera e propria svolta, dopo diversi giorni di indagini, e dinanzi a una recente ricostruzione della dinamica dell’omicidio.
Intanto il caporalmaggiore dell’esercito italiano, al momento sospeso dal suo incarico di istruttore, è rientrato a Frattamaggiore da Ascoli un giorno in anticipo su quanto previsto, ed ora si trova a casa dei suoi genitori. La richiesta di misura cautelare giunge dopo una nutrita acquisizione di elementi fondamentali per le indagini e la ricostruzione dell’aggressione eseguita ieriì nel bosco delle Casermette, grazie a fotografie a grandezza naturale. Sarebbero state proprio queste ultime, infatti, a fornire un quadro chiaro di come si sia svolto l’omicidio della 29enne di Somma Vesuviana.
Sul tavolo degli inquirenti, infatti, nelle ultime settimane, è arrivata una serie di elementi indiziari tali da consentire una ricostruzione attendibile della dinamica dell’omicidio e degli spostamenti di Salvatore Parolisi. Decisive le due autopsie del medico legale, Adriano Tagliabracci. In quel fatidico 18 aprile, secondo gli inquirenti, In realtà Melania a Colle San Marco non c’è mai andata: sarebbe stata uccisa nel bosco delle Casermette, a Ripe di Civitella, subito dopo pranzo, in un orario che il medico legale colloca tra le 14 e le 16.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©