Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È la tesi dei legali di Salvatore Parolisi

Omicidio Rea: “Melania uccisa da mano femminile”

“Quelle tracce di dna di donna sotto l’unghia”

Omicidio Rea: “Melania uccisa da mano femminile”
16/07/2011, 09:07

ASCOLI PICENO – Ad uccidere Melania Rea sarebbe stata una mano femminile: l’ipotesi shock arriva dai legali del marito, Salvatore Parolisi, unico indagato a piede libero e per il quale la Procura ha chiesto ieri l’arresto. Gli avvocati del militare, Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, motivano tale tesi con i risultati della perizia medico-legale, secondo la quale sarebbero state ritrovate tracce di dna femminile sotto l’unghia dell’anulare sinistro della vittima.
Sempre i legali di Parolisi, inoltre, parlano di ennesimo attacco mediatico nei confronti del proprio assistito, dimostrato, secondo loro, “dalla fuga di notizie sulla richiesta d’arresto avanzata dai pm ascolani”. Anche in conseguenza di ciò, i due avvocati hanno chiesto un’ispezione ministeriale. Per Biscotti e Gentile, Parolisi dunque rimane innocente e il responsabile del brutale omicidio avvenuto ormai quasi sicuramente a Ripe di Civitella, in provincia di Teramo, sarebbe una donna. Intanto, dopo le molte rivelazioni sulle modalità dell’omicidio emerse dall’autopsia sul cadavere di Melania, si attende la decisione del gip di Ascoli che potrebbe arrivare anche nella giornata di oggi. Da segnalare che ieri fonti investigative hanno sostenuto che “Parolisi ha mentito su tutto”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©