Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Omicidio Romano, killer partiti dalla Sanità

Agguato ordinato dal clan Lo Russo

.

Omicidio Romano, killer partiti dalla Sanità
02/11/2012, 11:29

Porta direttamente al quartiere “Sanità” la pista dell’omicidio Romano, il giovane 30enne di Cardito ucciso per sbaglio lo scorso 15 ottobre. Lino venne freddato con 14 colpi di pistola all’interno della sua auto, proprio sotto casa della fidanzata, nel quartiere Marianella. I suoi assassini partirono probabilmente dalla Sanità, ingaggiati dal clan Lo Russo, con l’obiettivo di uccidere un’altra persona. Il loro bersaglio, secondo l’ipotesi più probabile, doveva essere Gennaro Spina, ucciso poi qualche giorno dopo, il 23 ottobre. E si ipotizza anche il movente di quel brutale omicidio: lo sconfinamento del clan degli scissionisti nel quartiere Marianella, proprio lì dove è stato assassinato il giovane Lino Romano. E mentre gli inquirenti cercano di dare un nome ed un volto agli assassini, la comunità carditese continua a ricordare il 30enne tifosissimo della squadra azzurra. Nei giorni della commemorazione dei defunti, tantissimi cittadini si sono recati sulla sua tomba per porgere un fiore ed esprimere solidarietà ad una madre, che purtroppo mai più riabbraccerà il proprio figlio. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©