Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il folle gesto fuori al noto locale Makako Beach

Omofobia, a Pesaro due gay picchiati mentre si baciavano


Omofobia, a Pesaro due gay picchiati mentre si baciavano
03/08/2010, 19:08

PESARO – La frase, volgare e offensiva, è arrivata all’improvviso: “Questa checca di m…mi ha toccato lì”. E giù botte, pungi e calci per dimostrare di essere più forti, di non aver paura. E’ iniziata così, nel modo più crudele possibile, l’aggressione nei confronti di due ragazzi omosessuali di Pesaro, colpiti da alcuni coetanei fuori ad un locale marchigiano, il Makako Beach, mentre si stavano baciando. K.R., 21 anni di Milano e F.C, fanese di 31 anni, queste le iniziali delle vittime, non hanno neanche avuto il tempo di rendersi conto di ciò che stava accadendo. Sono stati raggiunti dalle botte e non hanno potuto fare altro che subire.
Il fatto è avvenuto nella notte tra il 27 ed il 28 luglio scorsi, ma soltanto adesso è stato reso noto.
Secondo quanto riportato da alcuni testimoni, a dare il via alla colluttazione è stata la ragazza che per prima li aveva insultati. Poi, sono intervenuti altri due giovani. Tempestivo l’arrivo dei Carabinieri e del personale di Pronto Soccorso, i due sono stati trasportati in Ospedale e curati. ''Pesaro, per triste ironia della sorte, ha visto moltiplicarsi nell'ultimo mese episodi di dichiarata omofobia” – ha dichiarato l’Arcigay in una nota –“ Siamo partiti con la nota vicenda del coro Komos, escluso dalla Curia con il beneplacito del Comune perche' formato da omosessuali dichiarati; abbiamo proseguito con la squallida vicenda politica del rigetto della mozione per introdurre il Registro delle Unioni di Fatto in Comune; ora siamo davvero alla frutta con questo gravissimo atto di violenza''. Per riflettere su tutti questi casi di violenza, giovedi' prossimo, 5 agosto, è già stata convocata una conferenza stampa a Pesaro alla quale partecipera' anche il presidente onorario dell'associazione, Franco Grillini.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©