Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ancora disservizi per i Napoletani, 105 ectospazzini

Operatori ASIA fantasma, grazie a certificazioni fasulle

Il Presidente ASIA: avviati controlli,dubbi sui numeri

.

Operatori ASIA fantasma, grazie a certificazioni fasulle
23/07/2011, 12:07

NAPOLI – Il nostro paese è conosciuto in tutto il mondo come O’ Paese do Sole, fatto salvo gli ultimi periodi in cui siamo passati dal sole alla munnezza. Ma buttiamoci alle spalle questa vicenda perché a Napoli il sole si contende il posto di leader insieme all’ assurdo, che nella nostra città sembra non avere mai fine anzi è sempre in continua evoluzione. A testimonianza di questo giunge l’ ennesimo increscioso episodio legato ai disservizi che schiaffeggiano Napoli. Stiamo parlando di uno strano e contagioso caso di allergia al lavoro. Ebbene si Napoli è la prima città ad avere gli operatori ecologici invisibili e le scope fantasma. Scopritore di questa incresciosa situazione è il Consigliere Idv Francesco Vernetti, che durante la riunione della commissione Comunale ambiente, alla presenza del neo presidente dell’ ASIA, Raphael Rossi, fa notare che circa 450 operatori dell’ azienda in questione, non risultano essere al proprio posto in strada a svolgere il loro operato, ma cosa ancora più avvilente è che altri 105 operatori, grazie ad opportune e dubbie visite mediche hanno ottenuto la inidoneità allo svolgimento del proprio lavoro in strada . Messo a confronto con l’ evidenza dei fatti dal Consigliere Vernetti, al Presidente Rossi non resta che replicare asserendo che i numeri esposti dal consigliere Idv non sono esatti, e che sarebbero addirittura di meno gli operatori inadempienti, ma non può negare l’ esistenza di questo grave problema. Poi continua assicurando che sono già state avviate delle procedure di controllo per verificare l’ autenticità di queste invalidità; inoltre sempre Raphael Rossi precisa che anche nella ASIA vi è un numero di dipendenti con disabilità come in tutte le aziende di Italia, quindi non resta che verificare e assegnare loro mansioni a propria misura. Apprezziamo molto la buona volontà del neo Presidente ma i numeri parlano chiaro, sono circa 1180 gli operatori in forza all’ ASIA contro i 62 per ogni municipalità, che spazzano le strade della nostra città.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©