Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Sequestrati beni per 25 milioni

Operazione "3 più": scacco della Dia al clan Somma


.

Operazione '3 più': scacco della Dia al clan Somma
01/12/2009, 09:12


NOLA - La quota di un lussuoso complesso immobiliare costituito da 61 camere d'albergo con annessa piscina, campo da tennis e lido balneare è tra i beni sequestrati nell'ambito dell'operazione denominata 3+ degli uomini della Direzione investigativa antimafia di Napoli, che hanno dato esecuzione a un decreto emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Napoli (presidente Mario Cozzi, giudici Francesco Menditto e Paola Faillace) su richiesta del direttore della Dia, il generale Antonio Girone. Il provvedimento è stato emesso nei confronti di Salvatore Somma, 54 anni, ritenuto a capo dell'omonimo clan camorristico e di Luigi e Giovanni Somma, fratello e figlio del capoclan, di 39 e 27 anni. I tre, di Piazzolla di Nola (Napoli), sono tutti detenuti. I beni sequestrati, in totale, ammontano a circa 20 milioni di euro. Il complesso immobiliare si trova a Marcaneto, frazione di Scario, nel Salernitano. Le attività investigative che hanno portato al provvedimento di sequestro sono conseguenti all'emissione delle misure cautelari in carcere emesse nel 2007 nell'ambito dell'operazione Golem, condotta dal Centro operativo Dia a carico dei maggiori esponenti dell'organizzazione camorristica Somma-La Marca, operante nel nolano e accusata di una serie di reati che vanno dall'associazione di stampo camorristico, all'estorsione e all'usura. Le indagini avevano evidenziato come nel corso del 2003 il gruppo Somma, titolare di alcune aziende tessili, fosse riuscito a ottenere, con false documentazioni e godendo di appoggi all'interno delle strutture preposte all'elargizione dei fondi, importanti finanziamenti pubblici provenienti dalla legge 488/92 per il "miglioramento delle aziende e per favorire l'occupazione nel Mezzogiorno e per togliere manovalanza alla
criminalità organizzata". Fondi che erano invece reinvestiti nelle attività criminali del clan e nell'acquisto di autovetture di grossa cilindrata (tra cui due Ferrari Testarossa modello Eva) da destinare ai figli dei capi del clan. Il valore dei beni sequestrati ammonta a oltre 20 milioni di euro, tra cui oltre 500.000 euro in contanti o in crediti immediatamente esigibili, nonché una giacenza di magazzino pari ad oltre 250.000 euro in tessuti, destinati per la maggior parte ad alimentare i mercatini rionali della zona del nolano e in parte quella dell'hinterland napoletano; mercatini ove, sottolinea la Dia, "notoriamente la criminalità organizzata esercita una fortissima influenza che va dall'assegnazione dei banchi all'imposizione di prezzi e tangenti sulle vendite".

ELENCO DEI BENI SEQUESTRATI

PIAZZOLA DI NOLA:
• terreno sito in Nola, frazione Piazzola, contrada Alberini di are 19,41;
• Immobile sito in Nola , frazione Piazzola, alla via degli Alberini n.52;
• appartamento sito in Nola-frazione Piazzola di Nola alla via Manzoni n.31;

OTTAVIANO:
• terreno sito in Ottaviano alla contrada Cacciabella o Spicchion.;
• terreno sito in Ottaviano alla contrada Cacciabella o Spicchion;
• terreno sito in Ottaviano alla contrada Noverino;

SALERNO:
• quota di partecipazione della società MARCANETO di Sarmino Francesco e C. s.a.s. con sede in San Giovanni a Piro(SA), località Marcaneto-frazione Scario

NOLA:
• terreno sito in Nola alla contrada Albertini di are 19,16;
• fabbricati costruiti ed adattati per le speciali esigenze di un’attività industriale
• impresa individuale di SOMMA Luigi, sita in Nola alla via degli Alberini n.52. Iscritta al numero REA di Napoli 602888, p.iva 02518081217, esercente attività di confezione e lavorazione di articoli di biancheria da letto, da tavola e arredamento, con alle proprie dipendenze n.8 lavoratori;
• FIAT DUCATO 2.8 TD VAN tg. CF849LJ;
• Totalità delle quote e dei beni aziendali e strumentali della società SOMMATEX s.r.l. sita in Nola alla via degli Albertini n.19, iscritta al numero 764955 del Registro delle imprese di Napoli e costituita in data 15.1.2007.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.