Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le famiglie del nord volevano staccarsi dalla casa madre

Operazione anti-'ndrangheta: 300 arresti in tutta Italia


Operazione anti-'ndrangheta: 300 arresti in tutta Italia
13/07/2010, 09:07

MILANO - Una vasta operazione contro la 'ndrangheta è scattata questa mattina all'alba: centinaia di uomini della Polizia e dei Carabinieri, coordinati dai Pubblici Ministeri Ilda Bocassini e Giuseppe Pignatone, hanno cominciato l'esecuzione di quasi 300 mandati di arresto, nei confronti di altrettanti esponenti della malavita organizzata tra la Calabria e la Lombardia.
La cosa significativa di questa operazione è che è stata individuata la struttura della 'ndrangheta, cosa finora mai riuscita. Tre mandamenti per la Calabria, i cui rappresentanti si riuniscono per decidere le strategie comuni. Ogni mandamento, a sua volta, contiene una federazione di famiglie. E poi esiste la "Lombardia", cioè l'insieme dei gruppi della 'ndrangheta trapiantati al nord e soprattutto - appunto - in Lombardia. E proprio una delle persone che collegano la "Lombardia" con la cupola calabrese è stato l'involontario artefice di questa indagine. Infatti in questo ruolo era stato scelto Carmelo Novella, detto "compare Nuzzo", che però aveva fatto l'errore di dire che ormai la "Lombardia" poteva separarsi dalla casa madre calabrese. la cupola non è stata d'accordo e il 14 luglio 2008 Novella viene ucciso a colpi di pistola in un bar di San Vittore Olona. Al suo posto viene nominato Giuseppe Neri, molto più tranquillo e privo di idee indipendentiste.
Tra le varie prove accumulate in questi anni dai magistrati, anche un filmato realizzato a Paderno Dugnano, centro del milanese: in un centro intitolato - ironia amara della sorte - a Falcone e Borsellino si riuniscono tutti i responsabili del nord per scegliere Pasquale Zappia come "mastro generale", cioè colui che è incaricato di distribuire gli appalti conquistati alle 500 aziende del nord Italia legate alla 'ndrangheta. Compresi, forse, quelli dell'Expo 2015, anche se in questo caso a rovinargli i piani è stato il fallimento della Perego general contractor srl, ditta nei fatti comandata da Salvatore Strangio. Perchè c'è questa divisione netta di compiti, all'interno di questa organizzaizone criminale: al sud si occupano delle azioni violente, di spargere il sangue; al nord si occupano - tranne rari casi come quello di Novella - di creare una economia ufficiale, con imprese che hanno un curriculum ineccepibile e che hanno gli agganci giusti per poter lavorare anche nel pubblico. Per esempio, come sospettare di Carlo Antonio Chiriaco, 51 anni, direttore sanitario dell'Asl di Pavia? O di Rocco Coluccio, biologo ed imprenditore di Novara? E sono solo due dei 300 nomi indicati nei mandati di cattura che sono tuttora in esecuzione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©