Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Comunicazione sull'attività investigativa

Operazioni dei Carabinieri del 26 giugno 2011


Operazioni dei Carabinieri del 26 giugno 2011
27/06/2011, 15:06

NAPOLI - Napoli, san giovanni a teduccio (2 arresti su occc per rapina aggravata in concorso e resistenza a pu) I carabinieri della stazione di ponticelli hanno rintracciato e tratto in arresto solla diego, 20 anni, residente in via bronzi di riace, già noto alle ffoo, destinatario di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa per rapina aggravata dal gip di napoli il 22 giugno concordando con attività investigativa della predetta stazione cc.
Nel corso dell’indagine i cc hanno accertato che solla il 20 aprile, a napoli, sul corso san giovanni a teduccio, in concorso con soggetto in via d’identificazione, con la minaccia di una pistola aveva costretto un 44enne a consegnare uno scooter.
Durante le fasi della cattura di solla i militari dell’arma sono stati aggrediti dal fratello del 20enne, salvatore, 22enne, già noto alle ffoo, che e’ stato tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale.
Dopo le formalità di rito, solla diego e’ stato tradotto nella casa circondariale di poggioreale mentre solla salvatore e’ in attesa di rito direttissimo.

Napoli, fuorigrotta (arresto per furto di generi alimentari) A fuorigrotta i carabinieri della locale stazione hanno arrestato andrunkiv maria, ucraina, 50enne, senza fissa dimora.
La predetta e’ stata fermata per controlli sul viale giochi del mediterraneo venendo trovata in possesso di generi alimentari vari del valore complessivo di 150 euro rubati poco prima dal vicino esercizio commerciale carrefour.
La merce e’ stata restituita all’avente diritto. L’arrestata e’ in attesa di rito direttissimo.

Napoli, bagnoli (2 denunciati per occupazione abusiva di suolo demaniale e altro) Nell’area demaniale antistante l’isola di nisida i carabinieri del nucleo operativo e della stazione di bagnoli hanno denunciato in stato di liberta’ una 37enne di via coroglio ritenuta responsabile di aver occupato abusivamente 950 mq. Di arenile demaniale, sottoposto a vincoli paesaggistici, posizionando 15 lettini, 26 ombrelloni, 6 tavoli e un banco frigo con annessa area ristoro impedendo il libero accesso alla spiaggia.
Una 44enne di via vicinale festiniano e’ stata invece denunciata perché aveva occupato abusivamente 800 mq. Di arenile demaniale, sottoposto a vincoli paesaggistici, posizionando 11 lettini, 16 sedie, 2 ombrelloni, 2 tavoli e un banco frigo con annessa area ristoro impedendo il libero acesso alla spiaggia.
Le attrezzature sono state sottoposte a sequestro. Gli arenili interessati liberati da ostacoli e restituti al libero accesso.

Calvizzano (2 denunciati per inquinamento ambientale) A calvizzano durante un servizio di controllo del territorio predisposto per la prevenzione e repressione di reati in materia di inquinamento ambientale e per l’abusivismo edilizio, i carabinieri della locale stazione insieme a colleghi dell’aliquota radiomobile di giugliano e coadiuvati da personale della locale polizia municipale, dell'arpac e dell’ufficio tecnico, hanno denunciato in stato di libertà il titolare 47enne di una ditta di soccorso stradale e rimessa di auto motoveicoli in via alfieri che in violazione alla normativa antincendio custodiva 184 auto motoveicoli invece dei 70 autorizzati ed aveva adibito a deposito per auto e motoveicoli sottoposti a sequestro penale ed amministrativo un’area agricola recintata di sua proprietà in località san pietro estesa 20.000 mq. Senza le prescritte autorizzazioni sanitarie e amministrative in violazione alla normativa urbanistica e ambientale in ordine alla corretta raccolta delle acque industriali.
Nell'area, non asfaltata, era stato realizzato senza alcun titolo abilitativo un manufatto di muratura di circa 20 mq. Adibito a guardiola nonché erano abusivamente depositati circa 3.500 veicoli tra autovetture, autocarri e motoveicoli.
L’intera area recintata con annesso manufatto edile, del valore complessivo stimato 1.500.000 euro, è stata posta sotto sequestro insieme ai predetti mezzi.
Denunciato anche il titolare 38enne di una ditta di soccorso stradale e rimessa di auto motoveicoli in via alighieri che in violazione alla normativa antincendio, custodiva circa 1.000 auto motoveicoli invece dei 58 autorizzati e aveva adibito a deposito per auto e motoveicoli sottoposti a sequestro penale ed amministrativo un'area agricola recintata di sua proprietà estesa circa 4.000 mq. Senza le prescritte autorizzazioni sanitarie e amministrative in violazione alla normativa urbanistica e ambientale per la corretta raccolta delle acque industriali.
Nell'area, non asfaltata, era stato realizzato senza alcun titolo abilitativo un manufatto di muratura di circa 77 mq. Adibito a deposito.
L’intera area recintata e il manufatto edile, del valore complessivo stimato 500.000 euro, è stata sequestrata insiem ai mezzi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©