Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aveva affidato a Facebook le sue intenzioni

Originario di Torre del Greco suicida per amore


Originario di Torre del Greco suicida per amore
10/12/2010, 11:12

Tragico epilogo di una storia d’amore non corrisposta. Questo dovrebbe essere il motivo del suicidio di un giovane 23enne originario di Torre del Greco ma residente a Cadelbosco, in provincia di Reggio Emilia che nel pomeriggio di ieri si è buttato sotto il treno Interregionale Piacenza-Ancona, nei pressi della stazione di Sant´Ilario d´Enza. Ancora una volta è il social network “Facebook” protagonista di un suicidio annunciato, il giovane infatti separato con  un figlio di 6 anni secondo quanto emerge dalle prime indagini era a pezzi per il rifiuto in amore di una donna che lui amava follemente. Così aveva affidato alla sua bacheca di Facebook le sue pene d’amore annunciando più volte che prima o poi l’avrebbe fatta finita. Infatti scriveva:  “Voglio solo morire prima o poi lo farò. Non mi serve a niente versare inchiostro sul foglio, avere tutte le donne del mondo tranne quella che voglio. Lei si è divertita, ma a me ha intossicato per tutta la vita ”. Secondo quanto scritto dal giovane sulla sua bacheca già ci aveva provato il giorno prima della tragedia ma non ne aveva avuto il coraggio anche se aveva perentoriamente deciso che doveva porre fine alla sua vita prima di Natale. Poi ieri il folle gesto. Sconvolto il  dipendente delle Fs alla guida del treno che ha l’ travolto, afferma che il giovane l’ha visto   all’ultimo momento. Sul posto sono accorsi subito  i  vigili del fuoco, carabinieri di Gattatico, la  polizia ferroviaria e il personale del 118. Anche se per lui non c’è stato nulla da fare in quanto è morto sul colpo. Nel  parcheggio a lato della  ferroviaria, i carabinieri hanno poi rinvenuto la sua auto:  una Toyota Yaris intestata alla madre. Il suicidio ha provocato l'interruzione del traffico sulla Milano-Bologna, necessaria per consentire i rilievi all' autorità giudiziaria.


 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©