Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Ospedale Maresca, il sindaco Borriello lancia un appello

"Chiedo un'audizione urgente alla Commissione Sanità"

Ospedale Maresca, il sindaco Borriello lancia un appello
01/02/2011, 15:02

NAPOLI - Continua l’agonia della prestigiosa struttura. Vanto e punto di riferimento per una altissima utenza,  l'ospedale Maresca, giorno dopo giorno, rischia sempre di più nel tradursi in una struttura unicamente per la riabilitazione. Si perderebbe finanche il pronto soccorso ed altri reparti. Il sindaco della città corallina non ci sta e rinnova agli organi competenti i provvedimenti del caso. Ascoltiamo Ciro Borriello: “Inspiegabile l’ulteriore smantellamento dell’ospedale Maresca. Si prevede uno scenario drammatico per la sicurezza e l’emergenza sanitaria in un territorio con una altissima utenza. In merito, dalle istituzioni competenti, avevamo avuto ben altre assicurazioni e destinazioni per lo storico e prestigioso nosocomio. Chiedo una audizione urgente alla Commissione Sanità della Regione”. “Ancora una volta – ha proseguito - non si tiene conto che oltre 300mila abitanti dovranno, purtroppo, riversarsi su Boscotrecase o su Napoli. Sottolineo che il piano di riordino della sanità campana prevedeva soluzioni più ragionate. I fatti, purtroppo, dimostrano che tutte le iniziative messe in campo dai sindaci e dai comitati civici dell’area interessata non sono valse assolutamente a nulla. Consapevole che la difficile questione muove da lontano e non da adesso. Eppure, in questo momento non ci interessano le colpe e le cause, ma unicamente la salvaguardia e la tutela della salute dei cittadini, che confidano nella Politica come bene pubblico. Pertanto, noi non ci rassegniamo nel prospettare per il Maresca solo un mero presidio ad indirizzo riabilitativo”. “Una condizione inaccettabile – ha commentato il Primo cittadino - sostanzialmente si anticipa lo smantellamento ancora prima di aver organizzato la riconversione della struttura. Tante le perplessità, ad esempio: perché non si procede prima a stabilire modi e tempi della riconversione e poi si chiudono i reparti? Sono molti gli interrogativi che preoccupano tantissimi cittadini. Infine, è lecito chiedersi: perché le professionalità dell’unità di Gastroenterolgia dovrebbero essere trasferite al Loreto Mare e non possono restare al Maresca? Perché privare l’utenza di servizi così importanti per la pubblica collettività”? “Davanti a questo scenario – ha concluso Ciro Borriello - siamo profondamente rattristati, ma vivamente confidiamo ancora in un ravvedimento da parte di chi di dovere. Personalmente rinnoverò ad horas ai vertici della regione risposte più giuste e concrete e una audizione urgente all’onorevole Michele Schiano presidente della Commissione Sanità della Regione Campania, affinché il futuro dell’ospedale Maresca sia un immediato e sicuro riferimento del territorio per tutelare la salute dei cittadini dell’area vesuviana”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©