Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ancora un episodio di razzismo nel ricco Nord-Est

Padova: niente discoteca se sei tunisino, albanese o rumeno


Padova: niente discoteca se sei tunisino, albanese o rumeno
26/10/2011, 11:10

PADOVA - Ancora un grave episodio di razzismo in Veneto. Questa volta riguarda la discoteca Factory Club, a poca distanza dalla stazione ferroviaria. Essendo creata come un club, c'è bisogno di una tessera per entrare; ma è una tessera che non viene concessa ad alcuni stranieri: tunisini, romeni, moldavi e albanesi. Considerando che raramente gli africani hanno i soldi per il biglietto di ingresso, si può tranquillamente dire che lì dentro si trovano quasi esclusivamente italiani.
Ma i titolari negano che ci sia razzismo, nella scelta. E mandano proprio uno di loro che è straniero, il vietnamita Thang Vien, a dirlo alla stampa: "Io sono vietnamita, quindi non certo razzista. Ma quando vedo soggetti troppo particolari cerco di tenerli fuori per ragioni di sicurezza". Certo, c'è da chiedersi cosa abbia un ragazzo albanese o rumeno di così particolare da non meritare di entrare la sera in discoteca, se ha soldi a sufficienza. Perchè è chiaro che se entra il delinquente, può entrare anche il delinquente italiano o cinese o vietnamita.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©