Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pagani: la guardia di finanza sequestra polizze assicurative false


Pagani: la guardia di finanza sequestra polizze assicurative false
27/06/2012, 11:06

Nel quadro di un intensificato controllo del territorio finalizzato al contrasto delle truffe assicurative in danno di compagnie ed utenti, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Nocera Inferiore, all’esito di autonoma attività investigativa in territorio paganese, hanno scoperto un “Broker di assicurazioni” operante presso la sua abitazione in assenza delle prescritte autorizzazioni ed in mancanza dell’iscrizione al R.U.I. (Registro Unico degli Intermediari Assicurativi).
In sede di perquisizione sono state rinvenute e sottoposte a sequestro numerose polizze assicurative risultate false, numerosi stampati in bianco di provenienza illecita, timbri di compagnie assicurative impropriamente detenuti ed un personal computer utilizzato per la stampa delle polizze assicurative, munito di elaborati programmi specifici.
Il Broker di Assicurazioni stipulava in via prioritaria contratti temporanei della durata di 5 (cinque) giorni per autoveicoli e motoveicoli percependo un premio variabile da 60,00 ad 80,00 Euro in funzione della potenza del propulsore.
Il responsabile del fatto delittuoso, cinquantottenne pregiudicato paganese, sottoposto al regime di detenzione domiciliare, è stato deferito alla locale competente Autorità Giudiziaria per i reati di truffa, ricettazione ed uso di atto falso per la vettura di proprietà.
Tale ultimo reato è stato imputato anche ad un congiunto del suddetto, che utilizzava una polizza assicurativa falsa e/o contraffatta a copertura della R.C. verso terzi della propria autovettura.
Entrambi gli automezzi sono stati sottoposti a sequestro amministrativo, risultando sprovvisti di copertura assicurativa obbligatoria.
L’attenzione degli investigatori è ora concentrata sulla macroscopica diffusione del fenomeno peraltro agevolata dall’esosità delle tariffe vigenti in particolar modo nel meridione d’Italia.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©