Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma la città è di destra, quindi c'è il silenzio delle TV

Palermo è sepolta dai rifiuti, congressisti vanno via


Palermo è sepolta dai rifiuti, congressisti vanno via
12/04/2010, 10:04

PALERMO - Continua l'odissea dei palermitani, che da mesi si trovano una città sepolta dai riufiuti, che non vengono raccolti, se non molto occasionalmente, Questo a causa degli enormi debiti che stanno portando al fallimento l'Amia, la società municipalizzata incaricata della raccolta e che si traducono in mancanza di mezzi e scioperi ripetuti del personale, soprattutto adesso che la società è in amministrazione controllata. E ieri l'ultima figuraccia fatta dalla città a causa di questo fatto: era previsto un congresso medico a cui erano stati invitati circa 500 medici provenienti dalla Grecia. Ma sono stati accolti da montagne di rifiuti per le strade cittadine, e quindi hanno deciso di rinviare il congresso ad altra data e soprattutto ad altra località.
Ma di tutto questo gli unici che ne sanno qualcosa sono i palermitani che vivono questi disagi. Nessun giornale - tranne quelli locali - ne parla, nessuna TV manda i suoi giornalisti a fare le riprese, c'è una cappa di silenzio assoluto. Eppure la situazione non è molto diversa da quella di Napoli di alcuni mesi fa. Non sarà per caso che la differenza sta nel fatto che il sindaco di Napoli e il Presidente della Regione Campania erano l'anno scorso di centrosinistra (proprio grazie ad una campagna elettorale basata sullo scmpio dei rifiuti, il centrodestra ha appena vinto le regionali), mentre ai vertici del Comune di Palermo c'è un esponente del Pdl?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©