Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Palermo: 7 condanne per la strage dell'ATR72


Palermo: 7 condanne per la strage dell'ATR72
23/03/2009, 14:03

Il 6 agosto del 2005 un ATR72 della Tuniter, compagnia aerea tunisina, ammarò forzatamente al largo della Sicilia, vicino Palermo. Nello schianto, persero la vita 16 persone e altre 23 rimasero ferite. Oggi il GUP di Palermo ha emesso la sentenza, condannando il comandante Chafik Gharby e il pilota Ali Kebaier a 10 anni di reclusione ciascuno; il direttore generale della Tuninter Moncef Zouari e il direttore tecnico Zoueir Chetouane, sono stati condannati a 9 anni ciascuno di reclusione; il responsabile del reparto di manutenzione Siala Zouehir, il meccanico Nebil Chaed e il responsabile della squadra manutenzioni Rhouma Bal Haj ad 8 anni ciascuno. Assolti invece i capisquadra manutenzione Fouad Rouissi e Lofti Ben Jemia.
Secondo la tesi dell'Accusa, sposata in pieno dal GUP, l'aereo precipitò perchè non fu calcolato l'adeguato livello di kerosene necessario per il viaggio, perchè - per ragioni di premura - fu utilizzato un indicatore preso da un ATR42, aereo simile ma meno grande e con serbatoi meno capaci dell'ATR72. Questo portò ad una sottostima del consumo e alla fine l'aereo si trovò lontano dalla sua destinazione e senza carburante, precipitando. In quest'ottica, il pilota e il copilota sono considerati responsabili perchè tentarono l'ammaraggio che spaccò la fusoliera e provocò la morte di tante persone; mentre invece, secondo il Pubblico Ministero e i suoi consulenti, avrebbero dovuto cercare di raggiungere l'aeroporto di Palermo sfruttando le doti di veleggiatore dell'aereo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©