Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Beni confiscati del valore di 1,3 miliardi

Palermo, Dia sequestra i beni di Nicastri

Sorvegliato speciale imprenditore del settore eolico

Palermo, Dia sequestra i beni di Nicastri
03/04/2013, 10:41

PALERMO – Confiscati beni da 1,3 miliardi di euro a Vito Nicastri .
La Direzione investigativa antimafia ha sequestrato tali beni all’imprenditore 57enne di Alcamo, leader nel settore della produzione di energia fotovoltaica ed eolica.
Da indagini acquisite, sembra che Nicastri si sarebbe ''relazionato con esponenti di Cosa nostra''.
Maxi operazione, tra le più importanti avvenute in tutta la penisola, che colpisce la Mafia e che ha avuto un raggio d’azione ampio tra la Sicilia occidentale, Lombardia, Lazio e Calabria.
Valori e beni perquisiti che comprendono società e partecipazioni societarie; 98 beni immobili; 7 tra auto, imbarcazioni e motociclette; 66 disponibilità finanziarie, tra rapporti di conto corrente, polizze ramo vita, depositi titoli, carte di credito, carte prepagate e fondi di investimento. Dalle analisi svolte, sembra che Nicastri avesse relazioni fitte con esponenti di spicco di Cosa nostra.
“Pizzini” riscontrati nel 2007 nei bunker dei boss e alcune dichiarazioni, confermavano tale tesi.

 

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©

Correlati