Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' una applicazione del parere dell'Avvocatura dello Stato

Palermo: dirigente scolastico vieta di pregare a scuola


Palermo: dirigente scolastico vieta di pregare a scuola
23/11/2017, 18:25

PALERMO - Sta destando polemiche la circolare del dirigente scolastico di un istituto scolastico dove ci sono bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni. Una circolare che vieta agli insegnanti di far recitare ai bambini una preghiera prima di mangiare. Non si tratta di una iniziativa spontanea dei bambini, ma di un insegnamento che alcuni docenti hanno imposto. 

Per questo il dirigente ha emanato una circolare, nella quale si rammenta che, secondo "il parere dell'Avvocatura dello Stato dell'8 gennaio del 2009, allegato alla nota del gabinetto del Miur del 29 gennaio 2009", non è permessa "la celebrazione di atti di culto, riti o celebrazioni religiose nella scuola durante l'orario scolastico o durante l'ora di religione cattolica, atteso il carattere culturale di tale insegnamento". Per lo stesso motivo ha fatto togliere una statuetta della Madonna che stava dnell'ingresso. 

Molte madri hanno protestato, minacciando di non mandare più i propri bambini a scuola. Ma bisogna ricordare che, oltre al parere dell'Avvocatura dello Stato, c'è la Costituzione dalla parte del dirigente scolastico. Molti tendono a dimenticare che l'Italia è uno Stato laico e non deve diventare il leccapiedi delle gerarchie vaticane. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©