Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La donna era malata da tempo

Palermo, morta Agnese Piraino Leto, vedova di Borsellino


Palermo, morta Agnese Piraino Leto, vedova di Borsellino
05/05/2013, 12:33

È morta a Palermo, all’età di 71 anno Agnese Piraino Leto, vedova del giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia nel 1992. La signora Borsellino era ammalata da tempo. La vedova di Paolo Borsellino viene ricordata da tutti come una donna dalla straordinaria forza interiore, nonostante un fisico esile. Ha sempre coinvolto i giovani nella sua lotta contro la mafia, spronandoli a non arrendersi mai.
Figlia del presidente del tribunale di Palermo Angelo, Agnese si era sposata con Paolo Borsellino il 23 dicembre 1968, da cui aveva avuto tre figli: Lucia, 44 anni, che oggi ricopre l'incarico di assessore regionale alla Sanità, Manfredi, 41 anni, attuale dirigente del commissariato di polizia di Cefalù, e Fiammetta, di 40.
La donna ha sempre limitato la sua presenza alle varie manifestazioni in ricordo del marito, mantenendo – con i figli – un atteggiamento di riserbo. Solo in occasione delle udienze del processo per la strage di via D'Amelio aveva riferito le confidenze e le preoccupazioni del marito alla vigilia dell'attentato del 19 luglio 1992.
Da sempre impegnata a lottare contro la mafia, Agnese Piraino Leto non si era mai arresa: da sempre era ala ricerca della verità sull’uccisione del marito. Proprio in questi giorni è iniziato a Caltanissetta il quarto filone processuale sull'attentato. Agnese Piraino Leto, che già era stata sentita nella fase istruttoria, era indicata fra i testimoni principali del dibattimento. Aveva tra l'altro riferito sulle inquietudini del coniuge che si erano accentuate dopo la strage di Capaci nella quale vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta. I funerali si svolgeranno domani a Palermo.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©